News – Baby squillo: i clienti vogliono patteggiare

Fonti ufficiali della Procura della Repubblica di Roma affermano che ancora nessuna richiesta sia stata depositata, ma che, se le ipotesi dovessero essere confermate, ogni caso sarà valutato singolarmente. Le indiscrezioni hanno suscitato indignazione da molti fronti soprattutto dall’ Osservatorio dei Diritti dei Minori e dal Garante per l’Infanzia che ritengono inaccettabile che i casi possano essere risolti con il pagamento di un’ammenda e il patteggiamento.

Vuoi commentare l'articolo?

Maria Chiara Pierbattista

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->