Napoli: donna salva balena incastrata tra gli scogli

A Bacoli in provincia di Napoli una donna ha salvato un cucciolo di balena spiaggiata tra gli scogli del litorale: anche se in prima battuta sebra difficile crederlo pare proprio che sia andata così. Pur esistendo filmati del cetaceo in difficoltà, un paio di foto di una donna (?) che gli sta vicino e addirittura un filmato del cucciolo di balena che torna indietro in segno di ringraziamento, non sembrerebbe invece disponibile il filmato del salvataggio vero e proprio che comunque sarebbe avvenuto in presenza di testimoni.

In considerazione della differenza di stazza e delle relativa forza tra un essere umano ed un animale lungo oltre 8 metri rimane difficile pensare che la signora in questione abbia potuto in qualche modo spostare di peso anche solo una parte dell’enorme (in proporzione) cetaceo, per quanto cucciolo possa essere stato e infatti pare che le cosa siano andate diversamente. Debora di Meo, così si chiama la salvatrice è stata avvertita da una telefonata della situazione di difficoltà dell’animale e si è recata in loco dov’erano già presenti persone che però osservavano la più rigorosa inazione.

A quel punto decide di agire. La nostra protagonista racconterà ai microfoni de La Repubblica che: “Poichè nessuno si era mosso per andare in acqua mi sono tolta la giacca e sono entrata in mare. Ho cercato di raggiungerla via scogli arrivandole alle spalle e mi sono resa conto che fortunatamente aveva davanti a lei un canale d’acqua di circa due metri.” dichiara la donna e continua: “Quindi ho creato un contatto con la balena e più che spingerla ho orientato la testa della balena verso il canale. La balena a sua volta si è aiutata con dei colpi di coda ed è riuscita ad inserirsi nel canale e a nuotare prendendo il largo”.

Detta così suona meglio ma sarebbe stato proprio bello poter disporre di un filmato del momento del salvataggio e non solo del pre e del post.

balena spiaggiata balena spiaggiata balena spiaggiata

Vai alla home page di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Vuoi commentare l'articolo?

Francesco Corrado