Multe più care per il 2017: a Roma previsti 21 milioni di euro

Per il 2017 si prevedono multe più care per chi violerà le norme del codice stradale.

L’Adnkronos riporta il parere degli specialisti: “visti gli andamenti del 2015 e del 2016, il rincaro sarà quasi impercettibile, di appena lo 0,1%, con la conseguenza che ad esserne interessate saranno solo le sanzioni di importo superiore a 500 euro. Per le altre, invece, non si arriverà a superare il limite dei 50 centesimi richiesto per l’arrotondamento all’euro superiore. Peraltro, neanche tutte le “multe” di importo elevato subiranno le conseguenza del rincaro: alcune di esse, infatti, hanno fatto il loro ingresso nel codice a seguito della depenalizzazione di inizio 2016 con la conseguenza che, per questo turno, non saranno toccate dall’adeguamento. Si tratta, in particolare, dei casi di guida senza patente o di guida con licenza di categoria inferiore a quella che il veicolo richiede”. Infatti sembra che i rincari riguarderanno solo le sanzioni amministrative, non quelle penali. Rimarranno invece inalterati gli importi riguardanti la guida in stato di ebrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.

A Roma Virginia Raggi punta proprio sulle multe: in una delibera riguardante il bilancio preventivo del 2017, già approvata dalla giunta capitolina, per il nuovo anno si prevede che nelle casse del Comune di Roma entreranno circa 21 milioni di euro in più rispetto al 2016. Si parla dei soli proventi derivanti dalle multe. Inoltre la sindaca mira a riscuotere le multe già emesse ma non ancora pagate, per cui si avrebbe un aumento di oltre un terzo degli incassi, passando dai 115 a 155 milioni di euro. Questo accadeva prima che si diffondesse la notizia di multe più care per il 2017, il che potrà rassicurare ulteriormente la Raggi, la quale, tra annullamento del tradizionale concertone di Capodanno, il divieto dei fuochi d’artificio (previste multe tra i 25 e i 500 euro) e il ‘no alle Olimpiadi’, risanerà il bilancio dell’Italia tutta. Certo.

Vai alla home page di LineaDiretta24
Leggi altri articoli dello stesso autore
twitter:@ludovicapal

Vuoi commentare l'articolo?

Ludovica Pallotta