Meningite a Roma: deceduto un 50enne

Meningite a romaGrave caso di meningite a Roma.  I casi di meningite in Italia non si sono fermati con la fine dell’anno. Anzi, dal 31 dicembre sono ben cinque le persone ricoverate in ospedale per sospetta o effettiva meningite.

Un uomo di cinquant’anni, originario di Alatri in Provincia di Frosinone, è deceduto ieri all’ospedale Umberto I di Roma, dove era ricoverato dal 31 dicembre. Tuttavia, secondo quanto si apprende da fonti sanitarie dell’ospedale, l’uomo ricoverato nel nosocomio romano, trasportato d’urgenza dall’ospedale di Alatri e che da giorni soffriva di febbre molto alta, era affetto da meningite da pneumococco, una forma assolutamente non contagiosa.

Lo stesso 31 Dicembre è stata ricoverata all’Umberto I anche una 14enne originaria di Palestrina, un paese vicino Roma. La meningite della ragazza, secondo il direttore del dipartimento di Medicina interna e malattie infettive Vincenzo Vullo, è causata da meningococco, ma «è in corso di tipizzazione», cioè bisogna ancora chiarire con certezza il tipo di meningococco che ne è all’origine. Le sue condizioni sono già migliorate, ma è subito scattata la profilassi per tutti i familiari che comunque non riescono a spiegare dove la ragazzina possa essersi contagiata visto che dal 20 Dicembre non andava a scuola e le sue uscite sono state apparentemente solo due.

Tre persone sono invece state ricoverate in Toscana. Il primo è il caso di una ventenne ricoverata al Santo Stefano di Prato la sera del 31 dicembre con diagnosi di meningite di tipo C; affetti da meningite di tipo B il secondo e il terzo caso: un 83enne di Venturina ricoverato a Livorno, attualmente in prognosi riservata, e un 55enne di Impruneta ricoverato al Santa Maria Annunziata di Firenze.

Altri due casi sono stati registrati a Genova e a Terni, ma, secondo quanto ribadito dal direttore del Dipartimento Malattie Infettive dell’Istituto superiore di sanità (Iss) Gianni Rezza, non si tratta però di una ‘escalation’ e “non c’è una situazione di allarme”. Il direttore ha altresì ribadito l’importanza della vaccinazione come unica arma per prevenire o attenuare le conseguenze della malattia.

 

@aurelio_lentini

 Torna alla home di Lineadiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Vuoi commentare l'articolo?

Aurelio Lentini

Laureato in Scienze Storiche presso L'università Statale degli Studi di Milano, oggi conduce una piccola libreria online, collabora con varie testate online, scrive, e tenta di venire a capo del mondo prima che il mondo venga a capo di lui.