Usa, Corte Suprema dice sì al matrimonio egualitario in 30 stati

Il no della Corte Suprema apre la strada al “sì” per le coppie omosessuali. Oggi, infatti, la Us Supreme Court ha deciso di non accogliere l’appello di cinque stati – Indiana, Utah, Oklahoma, Virginia, Wisconsin – contro l’equiparazione dei matrimoni gay. Non si tratta di un pronunciamento a favore né contro il matrimonio egualitario, ma di un semplice rifiuto di occuparsi del tema, ma è una decisione destinata ad avere ripercussioni: il no, infatti, potrebbe aprire la strada della legalizzazione del matrimonio tra persone dello stesso sesso in almeno 30 stati americani, a cui va aggiunto il District of Columbia. Intanto, la prima coppia ha detto sì in Virginia, dove appena dopo la sentenza una coppia di donne si è sposata a Richmond.

Vuoi commentare l'articolo?

Costanza Giannelli

Nasce e cresce (poco, in realtà) in Toscana. Nel 2013, dopo la laurea in Storia Contemporanea si trasferisce a Roma, dove approda alla redazione di Lineadiretta24. Lettrice onnivora e incontenibile logorroica, è appassionata di politica, diritti, storia, De Andrè e Scrubs, non necessariamente in quest’ordine. Curiosa di natura e polemica per vocazione, ama l’India e colleziona lauree, ma giura che la terza sarà l’ultima.

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->