La mano bionica nata nel garage del liceale Andrei Blindu

Si chiama Andrei Blindu, ha 17 anni ed ha creato una mano bionica nel garage di casa. La geniale invenzione del ragazzino di origini rumene è stata presentata sabato scorso a Bologna, ed è ispirata ad Iron Man. “La mia mano ora si muove con un software che risponde ai miei movimenti ma presto ne farò una comandata direttamente dal cervello”, ha spiegato Andrei durante la prima edizione del “TedxYouthBologna”, il concorso sponsorizzato dal Ministero dell’istruzione e dal “Ted” per sviluppare il public speaking, ovvero il saper parlare in pubblico servendosi dell’arte dell’oratoria. Tra i presenti all’evento c’era anche il ministro Stefania Giannini, che ha ribadito l’importanza di abituare i ragazzi a valorizzare le proprie idee mediante il discorso argomentato.

Il giovane inventore ha raccontato di come già all’età di 14 anni abbia sentito il desiderio di programmare qualcosa, e si sia accostato al linguaggio scientifico di Pascal. Successivamente, dopo aver letto un articolo sul web riguardante le protesi robotiche, ha pensato di ideare un dispositivo comandato solo dal cervello, un dispositivo che avrebbe potuto migliorare la vita delle persone disabili. Così, nel garage di casa sua, ha costruito una mano di legno e materiali riciclati, l’ha collegata a circuiti attaccati al suo braccio ed è riuscito a muoverla senza doverla toccare: “Ho scritto un algoritmo che la fa muovere”. Sono stati i suoi professori del liceo scientifico Decio Celeri di Lovere (Bergamo) ad iscriverlo al concorso del Miur, dopo aver visionato la straordinaria invenzione ed aver saggiato il talento dello studente.

Andrei spiega che per il momento fa ancora “cose semplici” con il materiale che trova a disposizione, “ma in futuro utilizzerò altri materiali perché il legno non è adatto alla realizzazione delle protesi”. Attualmente è impegnato nello studio, il prossimo anno conseguirà la maturità, ma ciò non lo distoglie dal pensare al futuro: “Andare all’estero? Mi piacerebbe, magari dopo la laurea: se mi chiamasse il Mit andrei subito”, e poi “aprirò la mia azienda e produrrò dispositivi come questo”.

Vai alla home page di LineaDiretta24
Leggi altri articoli dello stesso autore
Twitter: @Claudia78P

Vuoi commentare l'articolo?

Claudia Pellegrini

Nasce a Sora nel lontano 1978. Cresce divorando libri di ogni genere e consumando penne su fogli di quaderno. Tra una storia e l’altra si diploma al Liceo Classico, e sceglie di lasciarsi alle spalle la Ciociaria ed i gatti per tentare la fortuna a Roma dove, nel corso degli anni, consegue prima una Laurea Magistrale in Lettere Moderne, e poi, più per noia ed abitudine che per amore dello studio, ritorna nei corridoi della Sapienza per conseguirne un’altra in Editoria e Scrittura. Lettrice seriale e maniacale (toglietele tutto ma non i suoi libri), “gattara” e pizzaiola, divoratrice di film horror e serie tv, nonostante sia ormai un reperto archeologico ancora non ha trovato la sua strada nel mondo. Forse è nascosta tra le pagine di un libro magari scritto proprio da lei.