Makkox da Gazebo risponde alla vignetta di Charlie Hebdo [ VIDEO ]

Il famoso fumettista e blogger di Formia, Marco D’ambrosio, in arte Makkox, ha risposto degnamente alla contestata vignetta di Charlie Hebdo sulla valanga del Gran Sasso che ha travolto l’Hotel Rigopiano. Direttamente da Gazebo, il programma di Rai Tre nel quale lavora con Zoro (Diego Bianchi), nella puntata di lunedì ha salutato gli spettatori con una bella sequenza di vignette direttamente rivolte al settimanale satirico che, come sempre, ha di nuovo scatenato polemiche per una vignetta (forse un po’ troppo di cattivo gusto) che ironizza crudelmente sull’ennesima tragedia che ha sconvolto il nostro paese. Ad oggi il numero delle vittime è salito a 21, e la satira crudele del settimanale d’oltralpe ha scosso molto la popolazione italiana che, quasi all’unanimità, non se l’è sentita di sorridere e lasciar correre. Sarà pur vero che Charlie Hebdo  fa il suo lavoro, ovvero fare satira attraverso immagini che non lasciano troppo spazio all’immaginazione, ma certe volte bisognerebbe fermarsi un attimo a riflettere, avere rispetto per le vittime ed i parenti che le piangono, mettere da parte il black humor e tacere.

L’immagine di Charlie Hebdo mostra la figuretta della morte che scende dalla montagna sugli sci, impugnando due falci al posto delle racchette, accompagnata da una didascalia che recita così: “La neve sta arrivando e non sarà sufficiente per tutti”. A questa provocazione di cattivo gusto Makkox ha risposto con classe: due volontari con pala in mano parlano della vignetta, della solidarietà e del gusto macabro del settimanale francese. Alla fine uno dei due dice: “Sono fatto così. Io non cambio me stesso per questo… E poi in questo momento sono uno che ha finito la pausa in cui chiedersi se una vignetta vada sotterrata, e deve tornare a scavare per salvare una vita in più… Certo che a caldo gli avrei gli avrei scassato la pala in testa”. Ecco il video della sequenza : VIDEO

Vai alla home page di LineaDiretta24
Leggi altri articoli dello stesso autore
Twitter: @Claudia78P

Vuoi commentare l'articolo?

Claudia Pellegrini

Nasce a Sora nel lontano 1978. Cresce divorando libri di ogni genere e consumando penne su fogli di quaderno. Tra una storia e l’altra si diploma al Liceo Classico, e sceglie di lasciarsi alle spalle la Ciociaria ed i gatti per tentare la fortuna a Roma dove, nel corso degli anni, consegue prima una Laurea Magistrale in Lettere Moderne, e poi, più per noia ed abitudine che per amore dello studio, ritorna nei corridoi della Sapienza per conseguirne un’altra in Editoria e Scrittura. Lettrice seriale e maniacale (toglietele tutto ma non i suoi libri), “gattara” e pizzaiola, divoratrice di film horror e serie tv, nonostante sia ormai un reperto archeologico ancora non ha trovato la sua strada nel mondo. Forse è nascosta tra le pagine di un libro magari scritto proprio da lei.