Macchinette per il caffè: come riuscire ad acquistare la migliore?

Macchinette per il caffè: come riuscire ad acquistare la migliore?

Per poter degustare anche a casa un espresso di qualità, è necessario poter disporre di una macchinetta per il caffè pronta all’uso. Tuttavia, per chi non lo sapesse, è bene specificare che sul mercato è possibile trovare una vasta gamma di modelli e marche. Per tanto individuare la soluzione migliore per le propri necessità può non essere facile. Infatti, prima di tutto è importante concentrasi sulla tipologia, e scegliere la più adatta al proprio stile di vita, ma soprattutto alla propria idea di espresso, così da attuare una prima scrematura.

Esistono, infatti, apparecchi che necessitano del caffè in polvere per funzionare. Spesso, questi modelli includono anche il filtro per utilizzare le cialde ESE e permettono di realizzare un espresso su misura, in quanto si può scegliere la quantità di caffè da inserire nel braccetto e la miscela. Si trovano, poi, le macchine da caffè a cialde, ossia singole dosi preconfezionate di caffè macinato (7 g), pressato e chiuso ermeticamente tra due sottili strati di carta filtrante.

Per chi vuole preparare il caffè in modo pratico e veloce, interessanti sono i dispositivi che funzionano a capsule, che sono sempre monodosi di caffè in polvere, preservate in un piccolo contenitore rigido di alluminio o plastica. Infine, si trovano le macchinette che prevedono l’impiego dei chicchi di caffè, che vengono macinati internmente prima dell’uso. Si tratta degli apparecchi automatici o semi-automatiche, che permettono di ottenere un gusto ed un aroma eccellenti.

Dimensioni, struttura e pressione: tutto quello che c’è da sapere

Sei orientato verso una macchina da caffè Bialetti? Sei sicuro che le dimensioni e lo stile di questa marca si adattino al luogo preposto ad ospitare la macchinetta del caffè? Può sembrare un aspetto banale da considerare, ma invece ha una certa importanza, soprattutto se non si ha molto spazio a disposizione.

Oltre all’ingombro, però, anche il peso deve essere valutato, in quanto, spesso, è necessario sollevare l’apparecchio per pulire il ripiano. Se si vuole evitare di fare fatica, è importante scegliere dispositivi leggeri e poco ingombranti, da maneggiare con facilità. Bisogna considerare, poi, lo spazio che separa il portafiltro dalla base, in modo da capire se possano essere posizionate le tradizionali due tazzine, e magari anche tazze di dimensioni maggiori, predilette da coloro che amano il caffè lungo.

Inoltre, non bisogna dimenticare che le macchinette da espresso per uso domestico funzionano esattamente come quelle del bar, ovvero a pressione. Per essere sicuri di ottenere un buon caffè è necessario che la pressione esercitata sia compresa almeno tra i 12 ed i 15 bar.

Manutenzione e pulizia: gli aspetti da considerare

Al contrario di quello che pensano molte persone, la manutenzione è necessaria per tutte le macchinette del caffè, indipendentemente dalla tipologia e dalla marca. Tuttavia, a seconda della scelta effettuata, la facilità di attuazione ed il tempo necessario possono variare. Dunque, prima di acquistare un apparecchio per preparare l’espresso, è importante valutare il proprio stile di vita, in modo da evitare brutte sorprese in fase di utilizzo. Solitamente, i modelli automatici sono quelli più facili da gestire da questo punto di vista.

Infatti, sono utili per chi vuole evitare di perdere troppo tempo a pulire la macchina per il caffè od a verificare il funzionamento delle varie componenti. Gli apparecchi manuali, invece, necessitano di una manutenzione costante e di una pulizia accurata di tutte le parti. Per quanto riguarda le soluzioni a cialde ed a capsule, è bene specificare che sono una via di mezzo: non richiedono un’attenzione eccessiva, ma devono essere effettuati dai 3 ai 4 cicli di decalcificazione all’anno.

Vuoi commentare l'articolo?

Redazione