Le ‘Pussy Riot’ arrivano ad Hollywood

Sullo sfondo della Russia degli ultimi 20 anni, i genitori di Nadia Masha e Katia raccontano la storia delle tre attiviste, fino alla condanna a due anni di reclusione. Il documentario parte dall’esibizione delle femministe nella cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca, per narrare poi le vicende della loro storia: le manifestazioni, le proteste e il clamore che ha scosso la Russia come un terremoto. Il coraggio della loro lotta ostinata e i concerti punk delle improvvisate musiciste.
Il fenomeno ha diviso la Russia, quella ortodossa che inorridisce dinnanzi ai gesti dissacranti nella cattedrale moscovita e quella che manifesta in loro favore ai processi. A sostenerle ed appoggiarle le artiste Madonna, Yoko Ono, Bjork, contribuiscono a rendere le ragazze un simbolo che brillerà la notte degli Oscar. Nel frattempo Katia è stata liberata, le altre due sono invece ancora detenute in campi di lavoro e forse nel 2014 saranno finalmente libere.

 

Vuoi commentare l'articolo?

Eva Del Bufalo

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->