News – Lampedusa ricorda le 368 vittime del naufragio

Era il 3 ottobre 2013 quando un barcone carico di migranti si inabissò davanti all’Isola dei Conigli a Lampedusa. 368 persone persero la vita in quella che è diventata la più grande tragedia che Lampedusa ricordi. Il nome scelto dal Comune di Lampedusa e Linosa e dal Comitato 3 Ottobre per ricordare non soltanto le vittime di quel naufragio, ma anche i migranti che attraversano il mare per cercare la propria salvezza è “Prima giornata delle memoria e dell’accoglienza“. Il ricordo delle vittime della tragedia ha avuto inizio eri, al santuario della Madonna di Porto Salvo, la Federazione delle Chiese Evangeliche e l’arcidiocesi di Agrigento hanno promosso una cerimonia interreligiosa, “Memoria tra mare e cielo“. Nel pomeriggio di oggi il centro di Lampedusa sarà attraversato da un corteo che partirà dalla Chiesa di San Gerlando in via Roma e arriverà alla Porta d’Europa. Alle 19 verranno liberate in cielo 368 lanterne, una in ricordo di ogni vittima. Chiuderà la giornata un momento di raccoglimento dei familiari delle vittime e dei superstiti. Inoltre, nell’area marina protetta e nel poliambulatorio, saranno esposte le immagini di quanti si trovavano a Lampedusa nei giorni del naufragio.

Vuoi commentare l'articolo?

Claudia Pellegrini

Nasce a Sora nel lontano 1978. Cresce divorando libri di ogni genere e consumando penne su fogli di quaderno. Tra una storia e l’altra si diploma al Liceo Classico, e sceglie di lasciarsi alle spalle la Ciociaria ed i gatti per tentare la fortuna a Roma dove, nel corso degli anni, consegue prima una Laurea Magistrale in Lettere Moderne, e poi, più per noia ed abitudine che per amore dello studio, ritorna nei corridoi della Sapienza per conseguirne un’altra in Editoria e Scrittura. Lettrice seriale e maniacale (toglietele tutto ma non i suoi libri), “gattara” e pizzaiola, divoratrice di film horror e serie tv, nonostante sia ormai un reperto archeologico ancora non ha trovato la sua strada nel mondo. Forse è nascosta tra le pagine di un libro magari scritto proprio da lei.

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->