La lettera del padre dell’attivista di Greenpeace

«Io chiedo che i 18 governi interessati si assumono la responsabilità di dichiarare pubblicamente se l’operato della Russia è legittimo o illegittimo, è giusto attendere gli sviluppi processuali, ma dovranno anche dichiarare che qualunque paese può, liberamente, invadere con le armi un altro paese, senza che alcuno possa interferire. Se invece, viene ritenuto illegittimo, i governanti dovranno imporre alla Russia un comportamento che faccia rientrare i diritti nell’alveo naturale delle cose».  

Vuoi commentare l'articolo?

Filippo Deodato

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->