La cessione di Inwit

A giorni si concretizzerà la cessione di Inwit, la società che gestisce le torri di Telecom Italia. Pronti all’acquisizione ci sono Ei Tower, controllata da Mediaset ed una cordata Italo-spagnola composta da F2i e Cellnex. Per la cessione di Inwit, Ei Tower metterebbe sul piatto 950 milioni di Euro (5,3€ ad azione per il 29% della società) più le sue 1000 torri telecom, un particolare che interessa molto a Inwit. Gli italo spagnoli offrono invece 4,5 euro per azione per il controllo del 45% del capitale. C’è una differenza di circa il 10% tra le due offerte ma più il divario si chiuderà, fa notare Mediobanca, più la cessione di Inwit sarà a favore di Cellnex. Intanto la Borsa non sembra preoccuparsi della cezzione di Inwit, il cui titolo sale di appena lo 0,26% mentre Ei Tower sale dell’1,54% anche se per alcuni analisti sarà difficile che la controllata Mediaset, per la sua natura finanziaria possa alzare l’offerta.

cessione di inwitPer ora tutti gli scenari possibili per Telecom sulla cessione di Inwit restano aperti e sono principalmente due: quello di ridurre molto il business delle torri e ribadire la sua concentrazione sulle proprie attività principali (offerta Cellnex) o incassare un po’ di soldi ma meritare un ruolo importante, almeno nel breve termine nel controllo delle torri, acquisendo anche quelle di Ei Tower. Dalle indiscrezioni trapelate, pare però che l’idea più concreta sia quella che vedrà a cessione di Inwit a favore di Ei Tower. Così facendo Telecom non perderà il controllo sul mercato delle torri, non cederebbe la maggioranza della società e potrà trattare in futuro con Ei Tower e rivedere i termini della cessione, ipotizzando che Mediaset non vorrà limitarsi ad avere uno scarso 30% della società. Tutto si deciderà tra pochi giorni, forse già dal consiglio di amministrazione di Mediaset previsto per venerdì.

 

@g_gezzi

Vai alla Home Page di Lineadiretta24.it

Leggi altri articoli dello stesso autore

Vuoi commentare l'articolo?

Giulio Gezzi

Laureato in Storia e memoria delle culture europee presso l'Università di Macerata. Da sempre interessato alla politica e alla storia contemporanea almeno tanto quanto alle serie tv, al cinema e al calcio. La ricerca dell'autonomia è quello che mi ha guidato fin'ora.