Johan Botha è morto: il mondo della lirica piange la sua stella

Anno difficile per il luccicante mondo dello spettacolo e, da oggi, anche per gli appassionati della lirica: si è spenta a Vienna, all’età di 51 anni, una delle stelle del firmamento dell’Opera mondiale, il tenore Johan Botha.

Stroncato da una grave malattia – un cancro per la precisione, stando alle informazioni trapelate dal sito di Fanpage e divulgate da una collaboratrice dell’artista, Elisabetta Hartl della Medea Music and Entertainment Group-, che l’aveva costretto, negli ultimi tempi, a cancellare i suoi impegni e a ritirarsi dalle scene, il tenore di origini sudafricane era considerato uno dei massimi esponenti della lirica internazionale, la punta di diamante de “La Staatsoper“ viennese che ha collaborato con i più grandi maestri e si è esibita, spesso in ruoli verdiani, wagneriani e straussiani), nei migliori teatri del mondo, tra quali figura il Teatro della Scala di Milano.

Johan Botha: il cordoglio del Teatro della Scala e le opere cantate dall’artista

Ed è proprio quest’ultimo gioiello della cultura italiana ad esprimere il proprio cordoglio e rammarico per la morte di Botha, ricordando, attraverso una nota ufficiale, che il pubblico scaligero aveva avuto modo di ascoltare, apprezzare ed elogiare la sua vocelimpida e morbida” nell’ interpretazione di Pinkerton nella ‘Madama Butterfly’ di Puccini, diretta nel 1996 da Riccardo Chailly, attuale direttore musicale della Scala, e in altre, diverse performance che hanno aggiunto ulteriori (e preziosi)  tasselli alla carriera trentennale dell’artista.

Tra le principali opere liriche cantate da Johan Botha ricordiamo la “Cavalleria Rusticana” di Mascagni, “Arianna a Nasso”, “Daphne” di Richard Strauss e “Fidelio” di Beethoven, apprezzate dal pubblico del “La Staatsoper” di Vienna nel 1996, l’ “Aida” di Giuseppe Verdi, raccontata al Teatro della Scala di Milano e diretta nel 2009 da Daniel Barenboim nello spettacolo di Franco Zeffirelli, e  la “Valchiria” di Richard Wagner, eseguita dal tenore al Teatro dell’Opera di Budapest a giugno scorso.

 

Vai alla homepage di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @VerBisconti

 

Vuoi commentare l'articolo?

Veronica Bisconti

Nata Roma nel 1987, è da sempre residente nella Capitale. Laureata in Conservazione dei Beni Culturali, è attratta da quadri e sculture come una mosca dal miele. Solare, sognatrice e perfezionista, è una grande appassionata di serie televisive italiane e americane. Ama il teatro, la moda e i viaggi.