iPhone 8, cambio radicale: Touch ID sul retro

L’attesa dell’iPhone 8 sembra infinita per tutti gli amanti del melafonino. I rumors usciti in questi giorni parlano di una novità epocale, la classica caratteristica distintiva che ogni nuovo iPhone riserva ai suoi affezionati. Perché la voglia di rimarcare un salto generazionale rispetto ai modelli in commercio in casa Cupertino, è forse l’obiettivo primario di ogni nuovo lancio. La carta in serbo di Apple dovrebbe essere legata soprattutto all’aspetto estetico. Secondo le ultime ricostruzioni il nuovo iPhone 8 avrà il Touch ID nella parte posteriore della scocca, sulla falsa riga di una mossa già attuata quest’anno da Samsung sui nuovi Galaxy S8 e S8 Plus.

iphone8

Per il decennale dal primo lancio dell’iPhone, la parte frontale sarà a tutto schermo, come ormai prassi per tutti i device Android. La Apple, da sempre, mette in mostra un vistoso cerchio nella sua parte posteriore, corrispondente al classico logo di Apple. Per il nuovo iPhone 8 proprio al di sotto del logo verrà incastonato l’immancabile lettore di impronte digitali. Una scelta particolare, che si giustifica con la volontà di guadagnare spazio per lo schermo e rispondere all’ormai linea tracciata da Samsung: l’estetica è tutto. Apple avrebbe voluto posizionare il fingerprint al di sotto dello schermo, così da recuperare spazio ma lasciando intatto il design, ma l’impiego di una tale tecnologia è destinato a slittare nel futuro. La corsa contro il tempo non permetterebbe infatti al gigante di Cupertino di essere pronto in vista del lancio del nuovo smartphone a settembre.

Vai alla homepage di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @MarcoJuric

Vuoi commentare l'articolo?

Marco Juric

si avvicina al calcio giocato, e alla Roma, grazie alla chioma fluente di Giovanni Cervone. Non contento, pur rimanendo folgorato dalla prima autobiografia di Roy Keane, non si innamora del Manchester United, ma del Nottingham Forest. Dopo i primi trent’anni di osservazione partecipante, ha quindi deciso di passare gli altri trenta che gli rimangono a scriverne.