Incidente e ripresa per gli italiani Mura e Manuard

Il loro Class 40 ha disalberato nella notte costringendo Mura e Manuard a fare miracoli per ritirare su l’albero di 18 metri, con una manovra che ha dell’eroico. La Transat Vabre è una transoceanica che si disputa fra Le Havre (Francia) e Itajai (Brasile), su un tracciato di circa 10 mila chilometri.

Gaetano afferma: “Sam dormiva io ero di guardia avevo appena terminato giro di ispezione in coperta, stavo in pozzetto, al riparo nel cockpit perché c’era molto mare, e raffiche di vento fra i 25 e i 30 nodi (ndr: circa 50 km/h). Improvvisamente ho sentito uno schianto, come sentito un’esplosione e mi sono reso conto che l’albero era crollato in coperta, le vele finite in mare. Una situazione drammatica, non solo perché significa la fine di una regata, ma rappresenta una condizione di serio pericolo. Per un attimo ho davvero pensato che fosse finita. Immediatamente ho chiamato Sam, il suo unico commento è stato “No!”, come dire “Non ci sto”. Siamo stati super reattivi, per fortuna un cavo ha trattenuto l’albero, evitando che andasse completamente in mare. Con l’aiuto di due drizze e l’abbiamo tirato subito su. Abbiamo fatto una fatica enorme ma siamo riusciti a tirare fuori le vele dall’acqua e a issarle a bordo. Col fiocco è stato difficile, essendosi danneggiato il rulla fiocco. Abbiamo acqua che ha mandato in avaria l’elettronica di bordo, così ora non abbiamo sistema di navigazione. Stiamo puntando su La Coruna, in Spagna, all’estremità opposta del Golfo di Biscaglia. Qui faremo le riparazioni necessarie e ripartiremo nel minor tempo possibile. Vogliamo vincere e possiamo ancora farcela!”

(Fonte notizia principale ANSA: http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/altrisport/2013/11/11/Transat-Vabre-problemi-Mura-Manuard_9600384.html )

 

Vuoi commentare l'articolo?

Flavia Capoano

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->