Incendio in appartamento a Chicago: 8 morti di cui 6 bambini

incendio Chicago. Il bilancio delle vittime dell’incendio divampato in un palazzo di Chicago è gravissimo: 8 morti di cui 6 purtroppo sono bambini, tra i quali anche un neonato. Non sono ancora del tutto chiare le cause che hanno portato a far divampare l’incendio esploso ieri in un condominio di tre piani di Sacramento Avenue, nel popolatissimo quartiere ispanico di Marshall Square, nella terza città più grande degli Stati Uniti d’America. Secondo le testimonianze, prima dell’incendio sarebbe stato udito un forte boato, probabilmente dovuto ad una esplosione. Le cause del rogo, secondo le prime informazioni dei Vigili del Fuoco americani, sarebbero da ricercare all’interno di due edifici vicini: non è dato sapere al momento da dove possa essere stato originato, ma quello che è certo è il grado di strage che ne è conseguito. Sul caso sono comunque ancora in corso le indagini per fare totale luce sulle dinamiche che avrebbero scatenato l’incendio ma, dalle parole del commissario del Chicago Fire, Jose Santiago, pare che la tragedia sia stata davvero gravissima: “Non abbiamo questa quantità di morti e feriti in un incidente da molti, molti anni”, ha dichiarato. Tra le fiamme sarebbe morto anche un cane e due persone sono rimaste ferite in modo grave, tra cui uno dei pompieri giunti sul posto per prestare soccorso.

Da quanto si apprende l’incendio avrebbero potuto provocare un bilancio addirittura peggiore se non fosse stato per l’intraprendenza di una donna che mentre tornava a casa, dopo aver notato il fumo fuoriuscito dal palazzo, oltre a chiamare immediatamente i soccorsi, ha cercato di allertare il maggior numero di famiglie contribuendo a salvarle. Il bilancio resta comunque gravissimo e gli stessi Vigili del Fuoco ammettono che si tratta del peggior incidente mai avvenuto in città

Torna alla HomePage di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

@vale_gallinari

Vuoi commentare l'articolo?

Valentina Gallinari

Nata in una città di mare, da quando vive a Roma si domanda se la presenza dei gabbiani in giro per il centro, sia l'inequivocabile presagio della fine del mondo...Laureata in storia dell'arte, ama la fotografia, le vecchie polaroid, il cinema e il mercato di Testaccio di sabato mattina. Aspirante giornalista, trascorre il suo tempo tra gatti e mostre fotografiche, ma soprattutto a sperare che questo sogno diventi realtà.