Incendi Roma, continuano le fiamme: pericolo nube tossica

INCENDI ROMATornano le fiamme nella pineta di Castel Fusano, già coinvolta da un enorme rogo nelle scorse settimane: per spegnere le fiamme sono entrate in azione tre squadre dei vigili del fuoco, un canadair e due autobotti. Il sindaco Virginia Raggi ha chiesto l’aiuto del governo per affrontare l’emergenza: “La pineta di Castel Fusano è nuovamente in fiamme, serve un controllo 24 ore su 24 del territorio perché, se si tratta di incendi dolosi, non si può soltanto intervenire con gli spegnimenti. È necessario – continua la Raggi – un supporto del governo per controllare il territorio e salvare la pineta: la situazione è grave. Sono ormai otto giorni che lavoriamo per tenere sotto controllo la situazione e ci sono forti dubbi sulle cause naturali di questi focolai che si estendono su un fronte di 600 metri. L’arresto di due presunti piromani la scorsa settimana ci fa mantenere la guardia alta.

FIAMME ALL’EUR – Nei pressi del Colosseo Quadrato, oltre il ponte della Magliana, hanno preso fuoco delle sterpaglie vicino a una rimessa di imbarcazioni e il cantiere navale Barracuda. Ad alimentare le fiamme sono stati alcuni bidoni di acetone la cui combustione ha prodotto una nube accompagnata da una densa colonna di fumo nero. Non lontano dal punto di origine del fuoco anche un insediamento abusivo di nomadi.

ALLARME NUBE TOSSICAL’incendio ha provocato anche un allarme nube tossica all’Eur. Nel rogo che ha interessato il cantiere nautico sono bruciati anche materiali come pneumatici, frigoriferi abbandonati ed eternit e sulla zona si è sollevata una colonna di fumo nero considerata pericolosa, che ha costretto i cittadini della zona a rinchiudersi in casa per evitare di entrare in contatto con la nube tossica. Anche il traffico è stato parzialmente paralizzato, soprattutto verso l’aeroporto di Fiumicino, causando diversi problemi anche per i viaggiatori.

Vai alla home page di LineaDiretta24.it

Leggi altri articoli dello stesso autore

@maurizio_gaddi

Vuoi commentare l'articolo?

maurizio Gaddi