Immortale Pellegrini, ancora regina nei 200

IMMORTALE PELLEGRINI – Immortale. Non esiste altra parola per descrivere Federica Pellegrini. La più grande nuotatrice della storia italiana si regala un altro sogno, il meno atteso della sua brillante carriera e forse, proprio per questo, il più bello. Ai mondiali di nuoto in corso a Budapest, nella sua gara, i 200 metri stile libero, la Pellegrini tira fuori la gara della vita, e con un’ultima vasca che ha dell’incredibile, compie una rimonta clamorosa sulla statunitense Ledecky, vincitrice alle ultime Olimpiadi di Rio 2016. La Pellegrini ha chiuso con il fantastico tempo di 1’54”73, andandosi a prendere la settima medaglia iridata consecutiva, la terza del metallo più prezioso e cancellando in un colpo solo la delusione e le critiche per quel quarto posto dello scorso anno, che rischiavano di diventare il neo su una carriera da leggenda. Dopo i festeggiamenti per la medaglia è arrivata anche la notizia shock, quella che tutti speravano non sarebbe mai arrivata, ovvero il ritiro dalle gare, almeno per quanto riguarda i 200 Stile libero.

LE PAROLE DELLA PELLEGRINI – La Pellegrini ha così commentato: “Onestamente non so cosa è successo. Devo rendermene ancora conto, davvero non pensavo fosse possibile. Ci ho provato fino alla fine, penso di aver fatto la gara perfetta. Non so dove ho trovato l’energia nell’ultima vasca, so solo che nella mia testa volevo la medaglia. Era importante dopo quanto successo lo scorso anno a Rio, ma mai avrei pensato di vincere. Aver battuto la Ledecky? Indipendentemente da tutto, per me era importante vincere. Nella vita non si sa mai, questi per me sono gli ultimi 200 stile libero in gare internazionali. Continuerò a nuotare facendo un altro percorso. Adesso posso dire di essere in pace con me stessa”. Una giornata che porta con sé la gioia più grande e la consapevolezza di aver chiuso una carriera memorabile in modo memorabile.

Vai alla home page di Lineadiretta24.it

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @Mauro.Zini14

 

Vuoi commentare l'articolo?

Mauro Zini

Coach di basket, aspirante giornalista sportivo, laureando in comunicazione pubblica e d'impresa, sarebbe fantastico saper fare almeno una di queste cose. Appassionato di libri, cinema e serie TV, praticamente un Nerd da quando non era di moda esserlo.