Cosenza: Guardia di Finanza scopre truffa di oltre 700 mila euro

La Procura regionale della Corte dei Conti di Catanzaro ha segnalato che la truffa, ai danni dell’Inps, ammonta precisamente a 757 mila euro. Si tratta di una truffa di notevoli dimensioni  scoperta dalla Guardia di Finanza di Montegiordano, Comando provinciale di Cosenza, che ha denunciato, alla Procura della Repubblica di Castrovillari, ben 157 persone colpevoli di aver dichiarato false indennità di disoccupazione, sussidi di maternità, assegni familiari e indennità di malattia.

Gli oltre 700 mila euro erano stati erogati dall’Istituto di previdenza sociale basandosi su una documentazione composta attraverso la compilazione e la predisposizione di falsi contratti di affitto e/o comodato di terreni. Perciò sulla base di questa documentazione risultavano assunti centinaia di operai agricoli con contratti a tempo determinato che avevano effettuato 8 mila giornate lavorative. Ma, come la Guardia di Finanza ha scoperto, si trattava di un’immensa e architettata truffa. I lavoratori erano fittizi e i terreni, nei quali avrebbero dovuto essere impiegati, o erano inesistenti o non erano nella effettiva disponibilità o, addirittura, erano sottoposti a sequestro dalla stessa Guardia di Finanza per inquinamento ambientale.

Ciò ha procurato un mancato incasso da parte dell’Inps non solo dei contributi statali ma anche di quelli previdenziali. Questi ultimi ammontano a circa 150 mila euro. Ora l’impegno della Guardia di Finanza, dopo aver scoperto questa enorme truffa, continuerà nella direzione di assicurarsi del corretto e appropriato uso delle risorse economiche disponibili in modo tale da poter sostenere le imprese e le famiglie di cui ne hanno effettivamente bisogno. Tanto è che, anche e soprattutto, queste ultime sono ulteriori vittime di questa truffa. Perciò i cittadini onesti e le imprese che rispettano le regole possono sempre trovare nella Guardia di Finanza un sicuro punto di riferimento.

Twitter: @Francesco Nespoli

Vai alla home page di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Vuoi commentare l'articolo?

Francesco Nespoli

Laureato in lettere moderne all'università di Torino e in "Editoria e Scrittura" alla Sapienza. Appassionato di vari sport tra cui calcio, tennis e rugby ma di gran lunga il preferito non è tra questi. Si tratta, invece, del buon, caro, vecchio, sano subbuteo (s'intenda che parlo dell'old subbuteo e non della variante moderna definita con un asettico e privo di fantasia "calcio da tavolo"). Idolo indiscusso non può che essere l'ornitologo Peter Adolph accompagnato da P. P. Pasolini e dal cinico Nanni Moretti (quello di Palombella Rossa, in particolare).