Genova, 29enne cade da tetto e muore decapitata

E’ stato un macabro ritrovamento quello avvenuto in via Maritano, nel quartiere di Begato a Genova, dove è stato rinvenuto il corpo decapitato di una donna. Dalla ricostruzione dei fatti, è emerso che si tratta di una 29enne che si sarebbe gettata dall’ultimo piano di una palazzina: nella caduta, l’urto con una ringhiera le ha reciso di netto la testa, martoriando il suo corpo e aggiungendo orrore ad una morte già di per sé raccapricciante. L’ipotesi del suicidio è quella più accreditata: secondo gli approfondimenti degli investigatori, la donna sarebbe infatti salita sino all’ultimo piano di un condominio a poca distanza dalla ditta nella quale lavorava e da lì si sarebbe gettata nel vuoto, intorno all’ora di pranzo.

Precipitando, il corpo ha centrato una ringhiera sottostante che ha provocato la recisione della testa e nell’impatto la donna avrebbe perso parte del cranio che è rimasta in un prato proprio sotto la ringhiera, mentre il resto del corpo è finito in un terrapieno. Il pm di turno ha disposto l’autopsia, mentre è in corso l’acquisizione delle cartelle mediche della donna che, secondo quanto appreso, era seguita da uno psichiatra poiché soffriva di problemi psichici. I carabinieri stanno ascoltando alcuni testimoni e i parenti della vittima, in particolare la madre e il marito. A chiamare i soccorsi è stato un cittadino che intorno alle 13.30 ha visto il corpo martoriato. Sul posto sono intervenuti i carabinieri e il medico legale, che non hanno potuto fare altro che accertare la morte e cominciare le indagini del caso.

Torna alla HomePage di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

@vale_gallinari

Vuoi commentare l'articolo?

Valentina Gallinari

Nata in una città di mare, da quando vive a Roma si domanda se la presenza dei gabbiani in giro per il centro, sia l'inequivocabile presagio della fine del mondo...Laureata in storia dell'arte, ama la fotografia, le vecchie polaroid, il cinema e il mercato di Testaccio di sabato mattina. Aspirante giornalista, trascorre il suo tempo tra gatti e mostre fotografiche, ma soprattutto a sperare che questo sogno diventi realtà.