Gaffe di Trump: «La Svezia colpita da un attacco terroristico»

Nel bel mezzo di un comizio svoltosi in Florida, Trump ha citato più volte la Svezia tra le nazioni colpite da un attacco terroristico. Il presunto attentato terroristico che avrebbe colpito la Svezia venerdì scorso in realtà non è mai avvenuto. La gaffe di Trump sta facendo il giro del mondo e il video con le sue a dir poco fantasiose dichiarazioni è diventato virale.

Intanto la Svezia esige giustamente delle spiegazioni in merito all’accaduto. L’ambasciata svedese con sede a Washington ha già chiesto ai vertici di Stato Usa delle convincenti spiegazioni per far luce sulla questione. Caterina Axelsson, portavoce del ministero degli Esteri della Svezia, ha dichiarato alla stampa che: «La Svezia ha chiesto spiegazioni al Dipartimento di Stato Usa. Stiamo aspettando un chiarimento in merito alle affermazioni del presidente Donald Trump». Queste le parole del presidente Donald Trump sull’accaduto (in realtà mai accaduto!): «Avete visto cosa è successo in Svezia? Loro (di immigrati) ne prendono tantissimi e stanno avendo molti più problemi di quanti ne avrebbero mai immaginato».

Dopo aver ascoltato il discorso visionario di Trump, anche l’ex primo ministro svedese Carl Bildt non ha resistito e ha twittato il suo enorme sconcerto: «Un attacco terroristico in Svezia? Che cosa si è fumato?». La gaffe di Trump sta facendo il giro del mondo, soprattutto perché il tycoon ha citato la Svezia dopo la Germania, poi ha continuato il suo discorso ricordando i fatti di Bruxelles, Nizza e Parigi. Restano ignote le cause che possano aver portato Trump a citare la Svezia nel suo discorso. Il New York Times fa sapere che il tycoon potrebbe aver preso spunto da un’intervista di Ami Horowitz a Fox News. In questa intervista Ami Horowitz dichiara che in Svezia l’aumento dei migranti ha portato ad un aumento della criminalità.

Vai alla home page di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @Vale_Perucca

Vuoi commentare l'articolo?

Valentina Perucca

Valentina Perucca nasce a Roma nel 1982. Dopo aver conseguito la maturità classica si laurea in Lettere e Filosofia, all'Università La Sapienza di Roma. Appassionata di arte, letteratura, musica, viaggi. Specializzata in linguistica e glottodidattica, insegna italiano a tutti coloro che vogliono impararlo. Ama Catullo, Ovidio, Euripide, Sofocle, suoi migliori amici fin dalla più tenera età. Odia gli arrivisti, gli arrampicatori sociali e i cercatori d'oro.