Dopo 20 anni la Gabanelli lascia Report

Milena Gabanelli lascia Report dopo 20 anni, questa la notizia. L’annuncio è giunto nella giornata di lunedì dallo studio del tg1, ma per le motivazioni la conduttrice Piacentina ha tenuto tutti con il fiato sospeso fino alle 21.30, orario di messa in onda della prima puntata 2016/2017 di Report.

Dal momento dell’annuncio sono stati in molti a ritenere che la scelta della Gabanelli fosse connessa alla nuova linea dirigenziale di Viale Mazzini, ma la stessa giornalista ha spiazzato tutti durante i primi minuti della puntata. Dopo un primo sentito ringraziamento alla sua squadra di freelancers, cresciuta negli anni sotto la sua conduzione, la giornalista emiliana ha puntualizzato che: «È arrivato il momento di premiare la loro professionalità, aiutandoli a diventare più protagonisti anche di una rigenerazione. Per questo ho deciso che sarà la mia ultima stagione alla conduzione di Report». Parole pronunciate con l’espressione soddisfatta e appagata (ma non sazia) di chi negli anni ha svolto al meglio il proprio lavoro e soprattutto di chi ha amato e ama il proprio mestiere, come puntualizzato dalla stessa Gabanelli.

Gabanelli lascia report

 

E ora che succede? Secondo molti quotidiani, il designato successore al ruolo ricoperto da Milena Gabanelli per anni, sarebbe Bernardo Iovine. Il motivo? Uno spazio particolare destinato a quest’ultimo durante i ringraziamenti della conduttrice, un elogio che in molti hanno visto come una sorta di tacita investitura.

La realtà potrebbe però essere un’altra: La Gabanelli ha apertamente dichiarato di lasciare per non far sì che il format di Raitre invecchi insieme a lei. C’è quindi una speranza, riposta nei suoi fedeli collaboratori, di assistere a una “rigenerazione” della trasmissione che sì mantenga fermi i punti di forza di Report, ma che al tempo stesso sappia innovare. Esattamente come fece la Gabanelli 20 anni fa attraverso le video inchieste.

 

@torna alla homepage di lineadiretta24

@leggi altri articoli dello stesso autore

@federicolordi39

 

Vuoi commentare l'articolo?

Federico Lordi