Follia Tumminello: testata all’arbitro. La Roma lo sospende (video)

Gesto folle quello di Marco Tumminello: l’attaccante della primavera della Roma, dopo aver vibrantemente protestato contro l’arbitro Piscopo accenna ad una testata nei confronti dello stesso direttore di gara. Già la sua società lo ha sospeso a tempo indeterminato, ma ora arriverà il verdetto della giustizia sportiva e ci si attende una lunga squalifica. Questo è accaduto ieri sera in occasione della prima semifinale del Campionato Giovanile Primavera 2106 tra Roma ed Inter. Il match è stato emozionante con l’alternarsi di gol ed emozioni. Inter in vantaggio poi ripresa e sorpassata dalla Roma proprio grazie a due gol di Tumminello, poi i milanesi trovano il pareggio. Si va ai tempi supplementari, ma non sono sufficienti a stabilire un vincitore, il risultato va sul 3-3 con l’ovvio corollario dei calci di rigore che verranno segnati tutti da entrambe le compagini. Il primo errore dal dischetto lo commetterà Baldini dell’Inter nel primo rigore supplementare, errore che manda la Roma in finale. I giallorossi incontreranno la vincente dell’altra semifinale che vedrà contrapposte Juve e Torino questa sera.

Durante il secondo tempo il tecnico della Roma Alberto de Rossi sostituisce l’attaccante Marco Tumminello credendo forse di poter gestire il vantaggio garantito proprio dal giovane diciassettenne. Durante i tempi supplementari l’attaccante giallorosso si alza dalla panchina per protestare veementemente con l’arbitro attirandone l’attenzione. Il direttore di gara lo raggiunge in panchina con l’intenzione di prendere un provvedimento disciplinare ma il giallorosso si avvicina di scatto, i due vengono in contatto e accade il fattaccio. Pur se non si tratta di una testata vera e propria il gesto è ingiustificabile e stupido e sappiamo che verrà punito dato che si rivolge non contro un avversario ma contro l’incarnazione, in campo, del rispetto delle regole e cioè l’arbitro.

Vai alla home page di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Vuoi commentare l'articolo?

Francesco Corrado