Europa League: tragedia sfiorata prima di Lione-Besiktas

LIONE-BESIKTAS, TRAGEDIA SFIORATA – Settimana nera per le competizioni calcistiche europee, non tanto per la qualità dello spettacolo sportivo, ma per gli eventi drammatici a cui abbiamo assistito al di fuori del terreno di gioco. Se martedì la partita di Champions League tra Dortmund e Monaco era saltata a causa di alcuni ordigni lanciati contro il bus del Borussia, oggi a Lione, prima dell’andata di Lione-Besiktas, valida per i quarti di finale di Europa League, si è sfiorata la tragedia. Dalle prime ricostruzioni sembra che i tifosi turchi, tristemente noti per le loro intemperanze, abbiamo iniziato a lanciare degli oggetti e dei petardi contro i tifosi del Lione, e dopo un primo scontro tra le due tifoserie, a seguito del lancio di lacrimogeni da parte delle forze dell’ordine, la situazione sarebbe degenerata, costringendo i tifosi francesi a invadere il terreno di gioco per scappare da una situazione calda.

Lione-Besiktas campo

Lione-Besiktas tweetLA MEMORIA ALLA TRAGEDIA DELL’HEYSEL – Le immagini a cui abbiamo assistito prima di Lione-Besiktas riportano sicuramente alla mente i tragici eventi del 29 maggio 1985, quando persero la vita 39 persone, schiacciate e rimaste intrappolate la une sulle altre, strette a tenaglia tra le cariche degli hooligans del Liverpool e i poliziotti belgi, che nella totale impreparazione, impedirono al flusso di persone di riversarsi in campo. Oggi per fortuna i tifosi francesi sono scappati verso il campo senza trovare impedimenti, ma bastava pochissimo per trasformare il tutto in una tragedia.

ANCHE IL TERRORISMO FA LA SUA PARTE – Sicuramente il clima di terrore generale, presente in tutta Europa, non favorisce l’organizzazione di eventi del genere. Gli scontri tra frange di tifosi esagitati e polizia sono, purtroppo, all’ordine del giorno, ma non capita spesso di assistere a fughe del genere da parte del pubblico. Non sarà forse una vera e propria psicosi, ma appare evidente che non appena si vede qualcosa di sospetto o pericoloso, l’istinto di fuggire e mettersi al sicuro è molto più forte di qualche anno fa.

Vai alla home page di Lineadiretta24.it

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @Mauro.Zini14

Vuoi commentare l'articolo?

Mauro Zini

Coach di basket, aspirante giornalista sportivo, laureando in comunicazione pubblica e d'impresa, sarebbe fantastico saper fare almeno una di queste cose. Appassionato di libri, cinema e serie TV, praticamente un Nerd da quando non era di moda esserlo.