Delegazione musulmana in vaticano

È di queste ore la notizia che Bergoglio incontrerà una delegazione musulmana in Vaticano. All’incontro si lavora da mesi e dovrebbe avvenire mercoledì, tema principale sarà l’invito formale al Papa di visitare la grande moschea di Roma. Bergoglio sarebbe il primo pontefice in visita alla moschea di Roma, considerata la più grande dell’occidente.

La delegazione musulmana dovrebbe essere composta dall’imam Yahya Pallavicini, presidente della Coreis; Abdellah Redouane, direttore del centro islamico culturale d’Italia e una rappresentante del CdA della moschea di Roma. L’incontro in vaticano e poi la visita alla moschea, avranno come filo conduttore proprio la Misericordia e saranno inseriti nel contesto degli avvenimenti giubilari. Il sentimento di Misericordia è infatti comune e fondante di entrambe le fedi religiose e questo, nel momento storico che viviamo, è importante ricordarlo.

Dopo la visita di domenica scorsa alla Sinagoga di Roma, continua quindi il percorso di dialogo interreligioso di Papa Francesco. Ad accoglierlo nella sinagoga, infatti, oltre al rabbino capo di Roma c’era anche Pallavicini, in veste di responsabile del dialogo interreligioso della grande moschea di roma, che in un’intervista a Repubblica ha dichiarato il suo desiderio di ricevere il Papa.

Papa in Sinagoga

Papa in Sinagoga

Come ha dichiarato anche Riccardo Di Segni, rabbino di Roma, nel diritto rabbinico, un evento che si ripete per tre volte diventa una consuetudine. sono infatti tre le visite e i relativi pontefici che hanno varcato la soglia della Grande Sinagoga, Wojtyla fu il primo Papa a farlo in un evento dalla portata storica. Ora è il turno di Bergoglio di varcare una soglia storica, quella della più grande moschea d’Europa e dell’occidente, per ribadire che oltre alla Misericordia, le fedi devono cercare il dialogo e la pace. La delegazione musulmana di mercoledì e la visita in Vaticano saranno il primo passo in un percorso di dialogo che culminerà con la visita di Papa Francesco ad una moschea che accoglie circa 50.000 fedeli.

Vuoi commentare l'articolo?

Giulio Gezzi

Laureato in Storia e memoria delle culture europee presso l'Università di Macerata. Da sempre interessato alla politica e alla storia contemporanea almeno tanto quanto alle serie tv, al cinema e al calcio. La ricerca dell'autonomia è quello che mi ha guidato fin'ora.