Crozza Vegano: ” Le verdure che uso sono volontarie “

A “Il Crozza delle meraviglie” su la 7, la nuova esilarante imitazione del camaleontico Maurizio Crozza prende di mira il programma di cucina vegana «Vegetale» in onda sul Gambero Rosso Channel, interpretando lo chef vegano crudista “Germidi Soia” del ristorante vegano“Satùt-de-Cartòn” . Ecco una raccolta di alcune delle battute più esilaranti:

“Nei ristoranti di Germidi tutti i cereali, gli ortaggi e la frutta che cucineremo sono volontari.”

“Noi non affettiamo l’ananas se non lo chiede lui”

“Non lavo le verdure per rispetto perché non è detto che abbiano voglia di fare il bagno”

 

Il vero chef a cui Crozza  si è ispirato per la sua nuova imitazione è Simone Salvini, famoso perchè cerca di interpretare i sentimenti dei vegetali, quando vengono tagliati per cucinare. In particolare Crozza, fa riferimento a una puntata di «Vegetale», in cui lo chef vegano Salvini, che conduce il programma con Nick Difino, avrebbe avuto un surreale dialogo con Difino al centro del quale si discorreva della sofferenza di una zucca mentre veniva tagliata, che vi riportiamo trascritto qui di seguito:

Simone Salvini: La nostra zucca sta piangendo, poverina, vedi?
Nick Difino: povera
Simone Salvini: l’abbiamo tagliata e lei si è ferita
Nick Difino: ma anche la cucina vegetale è crudele, allora
Simone Salvini: Sai cosa fanno gli indiani per ovviare a questo problema, pregano
Nick Difino: Eh sì
Simone Salvini: e chiedono scusa quando cucinano, infatti io che ho anche operato (?!) in dei templi indù, in Oriente e in India in particolare, mi ricordo che c’erano dei canti in cucina che servivano per innalzare il cuore e sentirsi in armonia con i vegetali”.

 

E’ il caso di dire quando la fantasia supera la realtà, e quanto a humour  (involontario) Salvini ben compete con l’ imitazione di Crozza.

Tuttavia  Simone Salvini è uomo di spirito, e  dopo l’ imitazione ha commentato su  Facebook: «Da oggi il mio chef preferito è lui: Germidi Soia! #Crozzativogliobene!»

Raggiunto al telefono dal Corriere della Sera per una dichiarazione sul suo alterego Germedi Soia-Crozza, Simone Salvini avrebbe affermato:“Mi sono divertito molto, Crozza è un gigante, il numero uno”.

Il cuoco vegano ha inoltre precisato poi che alla fine Crozza afferma con ironia una cosa che condivide anche lui, cioè per lo chef Salvini le piante hanno davvero un sistema nervoso e soffrono:

“Nel mondo vegano più ortodosso c’è anche chi pensa che sia giusto mangiare solo i frutti già caduti dagli alberi e c’è chi non mangia le carote per non estirparle da terra. Io non la penso così, sono meno radicale di quel che si pensi, ma ognuno deve fare le sue scelte. E comunque è stato dimostrato che anche i vegetali hanno un sistema nervoso, anche se meno sensibile del nostro”.

Un’ imitazione grottesca e brillante, che a giudicare  dai commenti su youtube è stata accolta con grande favore dal pubblico anche vegano che si è divertito molto, stufo com’è ormai delle sofisticatezze inutili  e dell’arroganza di alcuni chef televisivi,ma soprattutto pronto a sorridere del radicalismo di alcune posizioni, senza però offendere nessuno.

Tuttavia alcuni vegani si sono sentiti provocati ed hanno reagito con molto meno humour di Salvini ai post di Crozza su twitter che precedevano lo sketch:

 

 

Sicuramente aldilà delle polemiche la maggioranza del pubblico ha compreso lo scherzo  e il trasformista Crozza, che fa solo bene il suo mestiere ovvero la satira, davanti alle polemiche ha dichiarato a scanso d’equivoci di avere in realtà simpatia per i vegani.

In conclusione Crozza ha centrato l’ obiettivo e Germedì continuerà sicuramente far parlare di sè e con buona pace dei Vegani il comico genovese può a buon titolo aggiungere anche Germedi alla galleria dei personaggi di successo che il suo pubblico ama.

 

 

Vuoi commentare l'articolo?

Valentina Franci

Sono nata a Roma e mi sono laureata con lode in scienze della comunicazione. Mi occupo di marketing ed eventi, amo le sfide e scrivere. Sogno di viaggiare in tutto il mondo e appena posso lo faccio. Ho un debole per la buona cucina e le cose belle, il cinema ed imparare sempre cose nuove.