Denunciati imprenditori che vendevano antidoti per il coronavirus.

Denunciati ben 14 imprenditori che vendevano, illecitamente, antidoti per il coronavirus. 

I truffatori intercettati dalla Finanza sono in totale 33, effettuavano operazioni attraverso il web. 

Cosa vendevano i truffatori?

Oggetti di facile reperibilità che non avevano in alcun modo un collegamento diretto con il Coronavirus: mscherine, tute protettive, ionizzatori d’ambiente, guanti, prodotti igienizzanti, occhiali, filtri, copri-sanitari, integratori alimentari. I prezzi di questi fantomatici oggetti dalle proprietà immunizzati contro il Coronavirus erano spropositati rispetto al loro reale valore economico.

I 14 imprenditori -tutti italiani- identificati dai Baschi verdi del Gruppo Pronto Impiego Torino rischiano fino a due anni di reclusione.

Previste invece sanzioni pecuniarie i danni delle sei società coinvolte per la responsabilità amministrativa derivante dalla commissione dei reati. 

Le provincie coinvolte nell’operazione che ha bloccato la vendita illecita di questi fantomatici antidoti contro il COVDI-19 sono molteplici: Torino, Napoli, Cosenza,Rimini, Foggia, Salerno, Caserta, Cagliari, Modena, Campobasso, Mantova e Macerata. 

Intanto in India 16 turisti italiani sono stati messi in quarantena perché risultati positivi al COVID-19, il Governo sta valutando l’ipotesi di estendere il provvedimento di chiusura delle scuole a tutta Italia; i casi registrati dalla protezione civile di persone ammalate sono 2.263 -428 più di lunedì-; i morti sono 80 e le guarigioni 160 -11 in più rispetto a lunedì-.

 

Vai alla homepage di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @amiraabdel13

Vuoi commentare l'articolo?

Amira Abdel Shahid Ahmed Ibrahim

Amira Abd El Shahid Ahmed Ibrahim è nata a Roma, nonostante il nome che sembra uscito da un documentario di Super Quark e il cognome così lungo da convincere il funzionario dell’anagrafe a cambiare mestiere il giorno in cui è venuta alla luce possano depistare circa il suo luogo di nascita. Nata sotto il segno dei pesci è una meticcia: metà del sangue che le scorre nelle vene è arabo. Condivide la sua dimora con due gatti grassi, predilige alla maggior parte delle persone i quadrupedi che non hanno il dono della parola, ma all’occorrenza si adatta a interagire con il genere umano. Dopo la cucina, arte nella quale si diletta spesso per rendere chi la circonda una persona più felice e formosa (perché grasso è bello o perlomeno simpatico) e l’arricciarsi i capelli, Amira ha anche degli hobbies che implicano l’uso del suo quoziente intellettivo come: leggere e scrivere. Due funzioni di elementare apprendimento che lei svolge con grande passione. Collabora con il quotidiano on-line Lineadiretta24 nella sezione Gossip e Tv dal novembre 2013. Caporedattrice della rubrica di viaggi dal 2016. Leggermente sindacalista dentro odia le ingiustizie che “affollano” il pianeta. Conta di cambiare il mondo un giorno, o di conquistarlo.