Continua il viaggio di papa Francesco: oggi è a Ciudad Juàrez

Prosegue il viaggio di papa Francesco in Messico. Oggi sarà a Ciudad Juàrez dove visiterà un carcere, il Centro de Readaptacion Social estastal n. 3, dove ci sono circa 3mila detenuti. Saranno però in 700 ad assistere al suo discorso nella cappella dell’istituto di correzione. In seguito si svolgerà un incontro con 3mila tra rappresentanti degli imprenditori e dei sindacati per poi proseguire con la messa nell’area fieristica che è situata a confine con gli Usa. Sulla rete di confine è prevista la presenza di 200 mila persone dal lato messicano, e di 50-60 mila da quello americano della città di El Paso in Texas.

Nel visitare questo territorio che è la culla del narcotraffico il Papa ha lanciato un chiaro messaggio ai centomila giovani accorsi all’incontro nello stadio di Morelia: “Giovani non lasciate la vostra vita in mano ai narcos. Non è vero che l’unico modo di vivere, di essere giovani è lasciare la vita nelle mani del narcotraffico o di tutti quelli che la sola cosa che stanno facendo è seminare distruzione e morte. E non è vero che l’unico modo di vivere per i giovani qui sia nella povertà e nell’emarginazione; emarginazione dalle opportunità, emarginazione dagli spazi, emarginazione da formazione ed educazione, emarginazione dalla speranza. Da parte di Gesù vi chiedo di non lasciarvi escludere, non lasciarvi disprezzare, non lasciarvi trattare come merce. Certo, è probabile che non avrete la macchina ultimo modello, non avrete il portafoglio pieno di soldi, ma avrete qualcosa che nessuno potrà togliervi, e cioè l’esperienza di sentirsi amati, abbracciati e accompagnati. É l’esperienza di sentirsi famiglia, di sentirsi comunità”.

Vai alla home page di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @Claudia78P

Vuoi commentare l'articolo?

Claudia Pellegrini

Nasce a Sora nel lontano 1978. Cresce divorando libri di ogni genere e consumando penne su fogli di quaderno. Tra una storia e l’altra si diploma al Liceo Classico, e sceglie di lasciarsi alle spalle la Ciociaria ed i gatti per tentare la fortuna a Roma dove, nel corso degli anni, consegue prima una Laurea Magistrale in Lettere Moderne, e poi, più per noia ed abitudine che per amore dello studio, ritorna nei corridoi della Sapienza per conseguirne un’altra in Editoria e Scrittura. Lettrice seriale e maniacale (toglietele tutto ma non i suoi libri), “gattara” e pizzaiola, divoratrice di film horror e serie tv, nonostante sia ormai un reperto archeologico ancora non ha trovato la sua strada nel mondo. Forse è nascosta tra le pagine di un libro magari scritto proprio da lei.