Colpo alla Sacra Corona Unita, 58 arresti nel Brindisino

I carabinieri di Brindisi hanno sferrato un altro duro colpo alla Sacra Corona Unita, l’organizzazione criminale di stampo mafioso con base in Puglia. All’alba di oggi sono state ben 58 le ordinanze di custodia cautelare a carico di 58 presunti affiliati alla SCU, tutti operanti nel sud Brindisino, per i reati di associazione mafiosa, concorso in omicidio con l’aggravante del metodo mafioso, traffico illecito e spaccio di sostanze stupefacenti, nonché porto e detenzione illegale di armi da fuoco. Tra i reati contestati anche l’omicidio di Antonio Presta, figlio del collaboratore di giustizia Gianfranco, ucciso a San Donaci il 5 settembre 2012.
Nel corso delle indagini sono state intercettate frasi connesse al rituale di affiliazione della Sacra Corona Unita descritte nel rigido e severo statuto dell’associazione. La maxi operazione è stata coordinata dalla Dda di Lecce e il provvedimento restrittivo richiesto dal pm Alberto Santacatterina e disposto dal gip Vincenzo Brancato.

Già sabato scorso, a conclusione di una mirata indagine investigativa sempre in provincia di Brindisi, era stato disposto il sequestro di un vero e proprio arsenale da guerra nascosto sotto terra, con tanto di detonatori, esplosivi, fucili e munizioni. Con il conseguente arresto di un altro affiliato della SCU Giuseppe Raffaele Brandi, sembra che la potente organizzazione nata negli anni Ottanta nel carcere di Trani, si stia notevolmente indebolendo e marginalizzando. Questo maxi arresto ha dato dunque dato un ulteriore duro colpo alla già frammentata e disomogenea associazione malavitosa.

Vai alla HomePage di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter @vale_gallinari

 

Vuoi commentare l'articolo?

Valentina Gallinari

Nata in una città di mare, da quando vive a Roma si domanda se la presenza dei gabbiani in giro per il centro, sia l'inequivocabile presagio della fine del mondo...Laureata in storia dell'arte, ama la fotografia, le vecchie polaroid, il cinema e il mercato di Testaccio di sabato mattina. Aspirante giornalista, trascorre il suo tempo tra gatti e mostre fotografiche, ma soprattutto a sperare che questo sogno diventi realtà.