Charlie Hebdo, l’avventura riparte

«Si ricomincia!». Charlie Hebdo torna in edicola torna in edicola dopo un mese e mezzo di assenza. Per il numero 1.179 – il secondo dopo l’attentato alla redazione parigina che è costata la vita a 12 persone – è prevista una tiratura di due milioni e mezzo di copie. La copertina, come già era avvenuto per il numero record pubblicato in oltre 7 milioni di copie a una settimana dalla strage, è stata anticipata da Libération: un cane in bianco e nero, raffigurato mentre – con un giornale in bocca – fugge inseguito da una folla di caricature, tra cui spiccano Nicolas Sarkosy, Marine Le Pen, Papa Francesco e un grosso lupo nero con il kalashnikov, in cui non è difficile individuare un jihadista. A firmarla è stato il nuovo direttore, Laurent Sourisseau, alias Riss, ferito durante la strage del 7 gennaio.

Charlie Hebdo: mercoledì in edicola con 2,5 milioni di copie dtm

Vuoi commentare l'articolo?

Costanza Giannelli

Nasce e cresce (poco, in realtà) in Toscana. Nel 2013, dopo la laurea in Storia Contemporanea si trasferisce a Roma, dove approda alla redazione di Lineadiretta24. Lettrice onnivora e incontenibile logorroica, è appassionata di politica, diritti, storia, De Andrè e Scrubs, non necessariamente in quest’ordine. Curiosa di natura e polemica per vocazione, ama l’India e colleziona lauree, ma giura che la terza sarà l’ultima.