Cani “fiuta-tumori” vs cancro al seno, efficaci al 100%

cani "fiuta-tumori" Cani “fiuta-tumori” aiutano a diagnosticare il cancro al seno, lo dimostrerebbe uno studio francese. Secondo i test dell’ Istituto Curie infatti, l’ olfatto dei cani sarebbe infallibile, individuando il 100% dei tumori. I test clinici effettuati su 130 donne hanno dimostrato l’ efficacia diagnostica dell’ impiego di due cani appositamente addestrati per annusare l’ odore del tumore. Con queste basi l’istituto ha deciso che finanzierà un progetto di ricerca per effettuare un o studio clinico che dimostri scientificamente che i cani “fiuta-tumori” non sbagliano e possono essereun valido aiuto nella lotta al cancro. Il progetto, chiamato” Kdog”, vedrà la partecipazione di 4 cani “ fiuta-tumori “addestrati a scovare l’odore del cancro su fazzoletti impregnati di sudore delle pazienti o su tessuti prelevati allo scopo. Allo studio che durerà in 3 anni, tra il 2018 e il 2021, prenderanno parte 1000 donne, e come ha precisato la ricercatrice Aurélie Thuleau l’ obiettivo finale sarà stabilire se la riuscita del protocollo è indipendente dalla razza del cane e dal suo addestratore”.

Per i cani questa capacità è possibile grazie alla presenza in loro dell’organo vomeronasale, un organo posizionato tra il naso e gli occhi e che funge da secondo cervello deputato all’analisi degli odori. E se si pensa che  un cane possiede un olfatto milioni di volte assai più sensibile di quello umano, si comprende bene come questi animali possano essere di grande aiuto nella diagnosi del tumore.

Studi simili sui cani “ fiuta-tumori” sono stati già condotti con successo in molti Paesi tra cui Usa, Israele e anche in Italia. Nel nostro Paese ad esempio uno studio avviato nel 2012 dal dottor Gianluigi Taverna, e condotto con la collaborazione del Centro Militare Veterinario di Grosseto e patrocinato dallo Stato Maggiore della Difesa, aveva già determinato che i cani possono diagnosticare con massima accuratezza il tumore alla prostata, annusando le urine del paziente. Nel 98 per cento dei casi infatti cani avevano fatto centro, “diagnosticando” esattamente il terribile male. Il metodo di diagnosi se confermato come valido, sarebbe una svolta per i Paesi in via di sviluppo dove gli strumenti diagnostici spesso mancano fornendo un alternativa semplice ed a basso costo.

 

Vai alla home page di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

 

 

Vuoi commentare l'articolo?

Valentina Franci

Sono nata a Roma e mi sono laureata con lode in scienze della comunicazione. Mi occupo di marketing ed eventi, amo le sfide e scrivere. Sogno di viaggiare in tutto il mondo e appena posso lo faccio. Ho un debole per la buona cucina e le cose belle, il cinema ed imparare sempre cose nuove.