Calabria: fulmine si abbatte su una spiaggia, feriti due fratelli

Quando la natura si scatena meglio tenersi lontani dalla sua furia perché anche un solo fulmine può rivelarsi fatale. Lo sanno bene i due fratelli che ieri pomeriggio sono rimasti feriti a Paola in provincia di Cosenza, da un fulmine che si è abbattuto nelle loro vicinanze mentre si trovavano in spiaggia. I due stavano camminando sul bagnasciuga quando, durante un breve temporale estivo, un fulmine è caduto proprio vicinissimo a dove si trovavano. Uno dei due fratelli, di 66 anni, è stato portato con l’eliambulanza nell’ospedale di Lamezia Terme ed è in condizioni più gravi, mentre l’altro, di 57 anni, non. avrebbe riportato lesioni ma è stato comunque condotto nel nosocomio di Paola. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e personale del 118.

Nelle stesse ore un episodio analogo si è verificato a Vignale-Riotorto, nei pressi di Piombino (Livorno). Un uomo stava riposando sulla sua amaca quando è stato colpito da un fulmine che gli ha causato un arresto cardiaco. Per fortuna, nei pressi della sua posizione si trovavano un medico e un infermiere, che hanno prestato il primo soccorso praticando un massaggio cardiaco. Anche in questo caso è intervenuta l’eliambulanza e i sanitari giunti sul posto, dopo averlo stabilizzato, lo hanno trasportato presso l’ospedale di Grosseto. Il 48enne versa in gravi condizioni, ma non sarebbe in pericolo di vita. Nel maggio dell’anno scorso ad Hoppstaedten, in Germania, durante una partita di calcio giovanile, un fulmine colpì in pieno 35 persone: l’arbitro rimase gravemente ferito, così come tre adulti che si trovavano a vedere la partita, mentre riportarono conseguenze almeno una trentina di ragazzini tra i nove e gli undici anni di età.

Torna alla HomePage di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

@vale_gallinari

 

Vuoi commentare l'articolo?

Valentina Gallinari

Nata in una città di mare, da quando vive a Roma si domanda se la presenza dei gabbiani in giro per il centro, sia l'inequivocabile presagio della fine del mondo...Laureata in storia dell'arte, ama la fotografia, le vecchie polaroid, il cinema e il mercato di Testaccio di sabato mattina. Aspirante giornalista, trascorre il suo tempo tra gatti e mostre fotografiche, ma soprattutto a sperare che questo sogno diventi realtà.