Bonus cultura per i dipendenti di Brunello Cucinelli

Bonus cultura per i dipendenti di Brunello Cucinelli, il famoso stilista e filantropo italiano. Le spese per libri, cinema e teatro saranno rimborsate dall’azienda per un massimo di 500 euro per i single e di 1000 per i dipendenti con famiglia. Per averne diritto basterà mostrare lo scontrino in azienda. Tutte le spese verranno rimborsate. Il re del cachemire anticipa quella che era stata un’intenzione del Governo e che era stata pensata per gli studenti. La notizia è uscita su alcuni quotidiani locali e poi è stata ripresa da quelli nazionali. Il Bonus cultura fa parte di un diverso approccio al capitalismo, che corre parallelamente all’umanesimo, adottato da Cucinelli. L’imprenditore da sempre ha preso a cuore la dignità del lavoro, ed «il bonus cultura contribuisce anche a incentivare la riscoperta dell’immenso patrimonio culturale e artistico italiano». Essendo poi uno stilista ha a cuore la bellezza «perché la creatività è dove c’è bellezza».

 

bonus cultura

Brunello Cucinelli

Fu il padre ad insegnare a Brunello Cucinelli il rispetto per il lavoro «Comportati bene» gli raccomandava sempre. Come tiene a ricordare «Sono nato in campagna. Non avevamo una lira, ma eravamo felici. Poi, quando avevo 15 anni, ci trasferimmo in città e mio padre andò a fare l’operaio. Lo vedevo rientrare con le lacrime agli occhi perché umiliato dal capo. È allora che l’obiettivo della mia vita è diventato ridare dignità al lavoro». Nella sua azienda è vietato mandare sms e mail dopo l’orario di lavoro perché è il momento nel quale si deve stare con a famiglia o nel quale si possono curare i propri interessi, anche culturali, ed è questo poi che rende migliore il lavoro degli artigiani. “La nostra è un’impresa classica. Il lavoro dell’artigiano è duro e ripetitivo. E se io ti faccio lavorare oltre il dovuto ti rubo l’anima”. Il bonus cultura è la logica conseguenza di questo approccio illuminato.

 

Vai alla home page di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Vuoi commentare l'articolo?

Massimo Silla

Appassionato di lettura, scrittura, pittura, insomma di qualunque cosa non richieda uno sforzo fisico. Nostalgico e cialtrone ha intrapreso innumerevoli carriere,tra le quali il Babbo Natale, senza mai eccellere in nessuna