Banca Carige: nuovo CdA il 31 marzo

Venerdì la Malacalza Investimenti, maggiore azionista di Banca Carige, aveva annunciato la fine del ciclo degli attuali vertici e un cambio netto della governance della banca ligure. L’annuncio era stato dato dallo stesso Vittorio Malacalza in una nota: “Il Consiglio, in scadenza, ha esaurito il proprio compito con l’approvazione, nei giorni scorsi, del progetto di bilancio per l’esercizio 2015, l’ultimo del loro mandato. La Malacalza Investimenti ritiene necessario non attendere oltre per trasmettere un forte segnale nel senso della discontinuità”. Da adesso bisogna “determinare le condizioni per una guida della Banca che assicuri nel prossimo futuro quella piena esplicazione, fino a oggi inespressa, delle potenzialità di consolidamento, rilancio e sviluppo, il cui sollecito avviamento è tanto più necessario e urgente in considerazione della presente critica contingenza di sistema”. Una bomba che di fatto annuncia come il rapporto con il presidente Cesare Castelbarco Albani e l’amministratore delegato Piero Montani sia giunto al termine.  Da oggi inizierà quel “toto-dirigente” su chi prenderà il posto degli attuali vertici in Banca Carige. Posizioni che verranno ufficializzate durante l’assemblea degli azionisti convocata il prossimo 31 marzo.

Le prime indiscrezioni  danno come favorito per il posto da amministratore delegato Enzo Chiesa, ex direttore generale di Bpm e ora advisor in Jp Morgan Italia. L’esperienza maturata nei 25 anni passati nella Popolare di Milano come direttore finanziario prima e direttore generale dopo ne fanno il candidato più serio e papabile per il rinnovamento voluto per la Banca Carige. Ovvia anche la curiosità anche sulle decisioni che Castelbarco e Montani potrebbero maturare nei prossimi giorni. Rimane il dubbio se le due figure resteranno in sella fino al 31 marzo o decideranno di farsi da parte prima dell’assemblea, vista l’acclarata divergenza che si è venuta a creare con la famiglia Malacalza. Per ora nessun passo è stato fatto, ma sembrerebbe chiaro come entrambe le figure non abbiano gradito la modalità con la quale sono state fatte fuori.

In attesa che Malacalza Investimenti annunci il nome della nuova guida della banca ligure, sembra che i vertici della società il nome lo abbiano già in tasca. La figura avrà sicuramente una chiara visione industriale ma soprattutto sarà una figura relativamente giovane e non certo a fine carriera

Vai alla home page di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Vuoi commentare l'articolo?

Marco Juric

si avvicina al calcio giocato, e alla Roma, grazie alla chioma fluente di Giovanni Cervone. Non contento, pur rimanendo folgorato dalla prima autobiografia di Roy Keane, non si innamora del Manchester United, ma del Nottingham Forest. Dopo i primi trent’anni di osservazione partecipante, ha quindi deciso di passare gli altri trenta che gli rimangono a scriverne.