Amazon apre il suo primo negozio

Amazon è uno dei siti più famosi per gli acquisti on line, con magazzini in Europa, Asia e Nord America ha ormai una grande cerchia di clienti in tutto il mondo. L’azienda ha deciso di aprire un negozio fisico che ovviamente sarà fuori dal comune.

L’apertura del primo negozio Amazon avverrà nel centro di New York, di fronte l’Empire State Building. I clienti potranno entrare e fare degli ordini che i corrieri andranno a prendere fisicamente; ci sarà anche la possibilità di acquistare direttamente tutti i prodotti Kindle direttamente nel negozio. La merce verrà consegnati in giornata ai clienti di tutta New York, e per qualsiasi restituzione o cambio si potrà andare direttamente al negozio Amazon senza rispedire personalmente il prodotto indietro. Per Amazon questo è un esperimento, se funzionerà l’azienda prenderà in considerazione l’idea di aprire altri negozi. 

 @amiraabdel13

Vuoi commentare l'articolo?

Amira Abdel Shahid Ahmed Ibrahim

Amira Abd El Shahid Ahmed Ibrahim è nata a Roma, nonostante il nome che sembra uscito da un documentario di Super Quark e il cognome così lungo da convincere il funzionario dell’anagrafe a cambiare mestiere il giorno in cui è venuta alla luce possano depistare circa il suo luogo di nascita. Nata sotto il segno dei pesci è una meticcia: metà del sangue che le scorre nelle vene è arabo. Condivide la sua dimora con due gatti grassi, predilige alla maggior parte delle persone i quadrupedi che non hanno il dono della parola, ma all’occorrenza si adatta a interagire con il genere umano. Dopo la cucina, arte nella quale si diletta spesso per rendere chi la circonda una persona più felice e l’arricciarsi i capelli, Amira ha anche degli hobbies che implicano l’uso del suo quoziente intellettivo come: leggere e scrivere. Due funzioni di elementare apprendimento che lei svolge con grande passione. Collabora con il quotidiano on-line Lineadiretta24 dal novembre 2013. Caporedattrice della rubrica di viaggi dal 2016. Leggermente sindacalista dentro odia le ingiustizie che “affollano” il pianeta. Conta di cambiare il mondo un giorno, o di conquistarlo.

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->