Alimentazione vegetariana e mutazione del Dna

Può un regime alimentare portare a un cambiamento del Dna di alcuni popoli? A quanto pare sì e nello specifico stiamo parlando dell’alimentazione vegetariana, la “dieta verde”, che nel corso dell’evoluzione si sarebbe inscritta nel gene di alcuni popoli, soprattutto dell’India. Questa rivelazione è frutto di un lavoro investigativo che ha messo a confronto da una parte una popolazione dell’India, con una dieta prevalentemente vegetariana, dall’altra una degli Usa prettamente carnivora. La ricerca, condotta dalla Cornell University e resa nota su Molecular Biology and Evolution, mette in evidenza che sebbene la dieta vegetariana sia tradizionale da indefinite generazioni di indiani e quindi responsabile di una trasformazione dei geni, potrebbe generare problemi di salute in coloro che ipoteticamente volessero cambiare alimentazione poiché metterebbe in discussione l’equilibrio tra Omega-6 e Omega-3 con conseguente aumento del rischio di malattie al cuore e cancro al colon. Il Dna umano si adatta nel corso del tempo alla dieta e quella vegetariana sarebbe responsabile della frequenza più alta di questa particolare mutazione del Dna: questo è quanto emerge dalla ricerca di cui sopra che si è avvalsa dei dati dello studio “100 Genomes Project”.
Ma mentre la scienza, la medicina e le nobili arti, sono impegnate negli attenti studi per consentire al’’umanità rimedi e cure contro le malattie del nostro tempo, c’è chi ancora non riesce ad aprirsi al mite dialogo con la ‘diversità’, facendo del veganesimo un movimento estremista che forse neanche le religioni più drastiche tollerano. Predicatori violenti, maestri della banalità affollano studi televisivi, paragonando la vita di migliaia di bambini morti ad animali (e quando il riferimento è all’Olocausto allora c’è qualcosa che non va). Ma questa non è la sede adatta per approfondire la diatriba né il luogo per far capire che neanche i popoli con tradizione millenaria di alimentazione verde e rispetto verso gli animali conducono discorsi simili. Qui si parla di evoluzione e cambiamento del Dna di alcuni popoli con dieta prevalentemente vegetariana. Però, afferrando il pretesto, se volete farvi un’idea della nostra triste situazione non vi resta, tra le tante altre cose, che vedere la puntata di Matrix ondata in onda ieri sera. E in conclusione, usando le parole di Franz Kafka: “l’evoluzione umana, un crescere della potenza della morte”.

 

Vai alla home page di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @_mchiara

Vuoi commentare l'articolo?

Mariachiara Oliva

Più conosciuta sotto falsa identità, i suoi migliori amici sono i libri, la musica e la scrittura. Cura un blog e ha scritto un lungo componimento poetico, ma sempre sotto falso nome. Non ama parlare di sé, preferisce che lo facciano gli altri. Ma in sua presenza, che sia chiaro. Da quando collabora con TV & Costume ha capito che il televisore non è solo un'estensione del tavolino.