Aidaa: consigli per supportare cani e gatti in caso di terremoto

L’Aidaa (Associazione italiana difesa animali ed ambiente) ha diffuso un comunicato in cui si dispensano consigli per supportare i nostri amici a quattro zampe in caso di terremoto perchè “anche Micio e Fido sentono il terremoto. Come in altri casi (vedi botti di Capodanno) si spaventano e rischiano di restare vittime degli eventi, come i loro amici umani”. Infatti in seguito al terremoto si sono verificati alcuni comportamenti anomali da parte dei nostri amici a quattro zampe: si è notato in particolare che i cani abbaiano ripetutamente e girovagano per casa rifiutandosi di andare nei luoghi abitualmente destinati al riposo; mentre i gatti sembrano essere presi da un senso di angoscia che li porta a cercare vie di fuga, un po’ come gli esseri umani. Altro aspetto da non sottovalutare è poi la loro capacità di percezione del sisma prima che esso si verifichi, il che li renderebbe agitati prima del tempo.

Dunque per evitare eventuali traumi ai nostri cani e gatti l’Aidaa innanzitutto raccomanda di “evitare assolutamente di tenere i cani alla catena, potrebbero spaventarsi e impiccarsi loro stessi nel tentativo di liberarsi”. Pertanto “se abbiamo animali in casa e decidiamo di uscire all’aperto, portarli con noi, tenere sempre i cani al guinzaglio corto e i gatti nei trasportini, portare con sé una buona dose di crocchette e la ciotola dell’acqua”. E’ altrettanto importante secondo l’Aidaa far sentire al sicuro i nostri amici a quattro zampe in caso di terremoto: “portare in casa tutti gli animali che si trovano in giardino, far sentire loro un’atmosfera che sia la più normale possibile, evitando gli attacchi di panico, ma sopratutto tenere la radio e la luce accesa, in modo che l’animale si senta tranquillo. In ogni circostanza parlate con loro a bassa voce e accarezzateli continuamente, per infondere coraggio. Date loro come premio ogni tanto una delle crocchette preferite”.

 

Vai alla home page di LineaDiretta24
Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @ludovicapal

 

 

Vuoi commentare l'articolo?

Ludovica Pallotta