Acquisti online oppure “sola” online?

La IX edizione del Global Lifestyle Monitor non ha dubbi. Gli acquisti online sono al loro massimo storico. E gli italiani? Raddoppia la percentuale di chi acquista vestiti sul web: dal 4,5% al 9%.

La crisi economica mette in ginocchio le piccole e medie imprese, i negozi sono costretti a chiudere causa tasse, contributi previdenziali e concorrenza, nel migliore dei casi resistono, ma sono costretti a praticare dei prezzi più alti per sopravvivere o galleggiare. Cosa potrebbe peggiorare questo scenario? La concorrenza che arriva dal web, che ormai è uso proporre le stesse merci che si possono comodamente trovare in circolazione. Lungi da chi scrive andare contro la tecnologia, o ripiombare nell’anteguerra quando tali innovazioni erano sconosciute. Molti piccoli negozietti, in special modo di vestiti, negli ultimi tempi sono riusciti a fronteggiare le nuove sfide online pubblicando sui social capi di abbigliamento indossati da modelli, per trovare un altro canale di sbocco da cui attingere per fare cassa. Come riporta il sito AdnKronos, un italiano su tre è ispirato dai social per il proprio outfit, complice la poca reperibilità del vestiario osservato e la più facile vetrina mediatica. Ma gli acquisti degli italiani provengono soprattutto dalle piattaforme e-commerce delle grandi marche, che battono con una concorrenza le piccole realtà sul piano del prezzo e su quello della consegna, gratuita per loro che smerciano grandi lotti. Ed il vantaggio competitivo fa rimettere sempre chi è più debole e può di meno.

Cannes 2016

Justin Timberlake

I dubbi quando si vuole acquistare online sono migliaia, ma sempre gli stessi. Per i vestiti principalmente se la taglia è esatta e se sono in buone condizioni, per l’elettronica se la merce sia rotta, difettosa o con componenti richiesti non disponibili. Le piccole aziende dovrebbero attirare clientela proponendo loro ciò che ricercano online. Infatti quasi il 62% ricerca la disponibilità di informazioni riguardo la vestibilità e il 61% vorrebbe poter visionare i dettagli di un capo di abbigliamento. Le buone immagini e l’attenzione per i particolari sono quindi fondamentali per accalappiare il cliente.

Vuoi commentare l'articolo?

Gianluca Onorati

Laureato con lode in Economia Aziendale, scrive principalmente di televisione. Fra i suoi interessi canto, enogastronomia e sport. Giornalista per LD24 e in futuro, giornalista televisivo.