Viva grazie ai test sugli animali

La battaglia di Caterina Simonsen, tra insulti e polemiche continua: “Sono viva grazie ai test sugli animali”. Polemiche senza fine, oltre 30 auguri di morte e 500 offese per lei.La studentessa di Veterinaria all’Università di Bologna, vegetariana, colpita da quattro malattie genetiche rare, che su un social network aveva postato una foto con questo commento: “Io, Caterina S. ho 25 anni grazie alla vera ricerca, che include la sperimentazione animale. Senza la ricerca sarei morta a nove anni. Mi avete regalato un futuro”. Nella foto appariva con il respiratore sulla bocca e un foglio in mano. Al post erano seguite tantissime offese, da lei subito denunciate alle forze dell’Ordine. Il messaggio, infatti, aveva scatenato il mondo degli estremisti animalisti.

La protagonista in questione è una ragazza, bolognese, Caterina Simonsen. Ha catalizzato l’attenzione dei media nel corso dei giorni passati ed è capitata a molti di vederla in tv con i suoi occhi grandi blu e la maschera per l’ossigeno indosso. Caterina è portatrice di quattro malattie rare, ha 25 anni e vive, esclusivamente, grazie ai progressi della ricerca scientifica, che, ovviamente, non hanno mai escluso i test chimici sugli animali. Il problema in realtà è proprio questo, o forse lo sbaglio di Caterina. La ragazza bolognese, infatti, ha pensato di essere in dovere di ringraziamenti verso la ricerca scientifica postando su un famoso social network una sua immagine, con maschera per respirare e un foglio con scritti tutti i suoi ringraziamenti, tra cui quello “speciale” verso la sperimentazione chimica i test sugli animali, perché come sostiene lei “è viva grazie anche agli animali”.

Dopo i primi insulti e le polemiche iniziali la ragazza ha sempre confermato che il suo intento era quello di dimostrare come a 25 anni potesse essere viva grazie al “mondo animale”. Nonostante le sue dichiarazioni, sembrerebbe addirittura, da notizie dell’ultima ora, che tutti questi “ringraziamenti virtuali”, gli insulti e le minacce seguite, così come le parole in suo favore, nascondano uno scenario più grande. Si è arrivato a parlare di lobby che la pagherebbero per sponsorizzare la ricerca scientifica. Lei, d’altronde, non vuole essere disturbata dai media dichiarandosi stanca e malata, ma se tutto nasce sul web è anche ovvio che possa creare un dibattito di grande portata.

Le ultime dichiarazioni della ragazza riguarderebbero la smentita di lobby, appunto, che la pagano. Caterina nel frattempo è blindata nell’ospedale di Padova. Mentre Andrea Vianello, direttore di fisiopatologia respiratoria dell’ospedale ha dichiarato: “La situazione clinica di Caterina non è semplice; non si tratta solo di una affezione polmonare, ma dell’incidenza di tre o quattro altre patologie che ne complicano il decorso”. Il medico ha aggiunto: “Seppure in un contesto complesso, Caterina sta un po’ meglio”. Parliamo di una ragazza malata, questo è certo, anche se a volte, bisognerebbe comprendere che esistono molti modi per ringraziare la ricerca scientifica e quello più giusto non è sicuramente ammettendo gli esperimenti chimici sugli animali.

Vuoi commentare l'articolo?

chiara caproni

Sono laureata in filosofia. Da quando andavo alle elementari mi sono sempre sentita dire che ero polemica, e ora che ho 28 anni lo sono ancora di più e ne vado fiera. Amo profondamente la mia famiglia e sono sempre dell'idea che si vive per amare. Fantasiosa e razionale convivo con una personalità doppia, che mi fa essere la persona più comprensiva del mondo, ma anche la più stronza. Credo che la maggior dote dell'essere umano sia saper ascoltare! -I love animals, write, and eat red velvet cake-

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->