Violenza sulle donne. È una questione di salute pubblica

 Vediamoli in dettaglio. Secondo il rapporto le donne soggette a violenza hanno una maggiore possibilità di riscontrare complicazioni durante la gravidanza, di mettere al mondo figli con seri problemi di salute già dalla nascita o peggio di abortire, senza contare i danni fisici, come fratture e segni di percosse. Soprattutto nei Paesi del terzo mondo, dove gli stupri sono una pratica radicata nei territori flagellati dalle guerre o ancor peggio una vera e propria strategia militare, come nel caso della guerriglia in Congo, il rischio di contrarre malattie sessualmente trasmissibili è pari quello di beccarsi un’influenza. E una volta rimarginate le ferite e scomparsi i lividi, ciò che resta sono tutta una serie di ricadute psichiche che spesso portano all’abuso di alcool o alla depressione. Come afferma Margaret Chan, Direttore generale dell’Oms: <<La violenza contro le donne è un problema mondiale di salute pubblica di proporzioni epidemiche>>, e come tale va affrontato, ci permettiamo di aggiungere.

{ads1}

I dati. Un terzo delle donne del mondo (il 35%) è vittima di violenza e una buona percentuale, il 30%, subisce abusi da parte del partner. La maglia nera spetta all’Africa, che conta 45,6 % di episodi di violenza legati al genere, seguita dal Sud Est Asiatico con il 40,2 % e dall‘America (Settentrionale e Meridionale) con il 36,1%. Le zone del Mediterraneo Orientale hanno una percentuale del 36,1 % ; in Europa siamo al 27,2%. Nei Paesi ad alto reddito la situazione non è confortante visto che la percentuale delle violenze di genere si aggira intorno al 33%. In effetti anche nei precedenti rapporti l’Oms aveva sottolineato come nei Paesi più industrializzati e economicamente più avanzati le percentuali fossero allarmanti, proprio in virtù del fatto che è la cultura di genere che va globalmente analizzata e riformata e che il fenomeno è indipendente dalle condizioni sociali dei vari stati.

Fonti: Oms, Sportello dei diritti

di Maria Chiara Pierbattista

Vuoi commentare l'articolo?

Maria Chiara Pierbattista

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->