Legge elettorale, il punto (di non ritorno)

Legge elettorale il punto

Legge elettorale, a che punto siamo? A un punto di stallo. Dopo l’ennesima sentenza della Consulta, che ha bocciato anche l’Italicum a distanza di dodici anni dal Porcellum, in questo Paese una legge elettorale degna di nota non si vede dai tempi del Mattarellum. A Montecitorio si discute e discute, ma le soluzioni in campo non danno ancora nessuna certezza.

 

Ballottaggio e possibilità di scelta del collegio d’elezione, questi gli aspetti dell’Italicum bocciati dalla Corte Costituzionale il 25 gennaio scorso. E da allora, qual è stata la risposta della politica? Tutto è rinviato a fine maggio in attesa che si chiudano le urne delle primarie nel Partito Democratico. Sino a quel momento c’è da aspettare, anche se ormai questo è il terzo rinvio delle Camere sulla questione. Ad perpetuam rei memoriam, tuttavia, non stona un ripassino sulle proposte avanzate dai diversi schieramenti politici. Ripercorriamole qui.

 

PARTITO DEMOCRATICO – Il PD sembra avallare un maquillage dell’Italicum, una via di mezzo tra questo e il Mattarellum. Trattasi della trentesima proposta di legge presentata dal 13 marzo ad oggi, e consiste in un sistema maggioritario che in caso di “non vittoria” si trasformerebbe in un proporzionale. In più, un ritorno al doppio turno in linea con i correttivi inseriti nella sentenza della Consulta: soglia minima del 20% per accedere alla fase di voto successiva, quorum di validità al secondo turno del 50% e limite del 40% in entrambe le Camere per conquistare il premio di maggioranza (che rimarrà assegnato alla lista e non alla coalizione). Intanto Matteo Renzi si dichiara anche disponibile ad eliminare i capi lista bloccati tanto criticati dell’Italicum, perché «non ho problema a mettere la faccia per prendere voti».

 

DIREZIONE ITALIA (il partito di Raffaele Fitto) I Lions sono più orientati alla salvaguardia del Mattarellum. Così, Raffaele Fitto ha dichiarato in merito alle diverse proposte di legge: «Siamo per il maggioritario e il Mattarellum è una buona base di partenza».

 

LEGA NORD – Il Carroccio non pone condizioni, a detta di Matteo Salvini va bene tutto purché si vada al voto il prima possibile. Così il leader leghista sembrerebbe schierarsi anch’egli a favore del Mattarellum.

 

FORZA ITALIA E CENTRISTI (Ap) – Per Area popolare, invece, «la discussione sul Mattarellum oggi ha il fiato corto». A detta di Dore Misuraca, capogruppo di Ap in commissione Affari costituzionali, vi è la necessità di iniziare a ragionare su un sistema che premi la logica tripolare. Idem per Renato Brunetta (FI) che ribadisce il no al Mattarellum: «Si faccia subito la legge elettorale, su cui ci si era impegnati» dichiara, il problema è capire a quale proposta si riferisca.

 

MOVIMENTO 5 STELLE – I pentastellati puntano al Legalicum, in pratica la legge elettorale così com’è uscita da Palazzo della Consulta: «Si deve andare a votare con il Legalicum applicato al Senato, con un tratto di penna si potrebbe tornare alle urne in tre giorni» sostengono i 5 stelle.

Ad ogni modo la strada è lunga, come l’iter per l’approvazione della legge elettorale che dovrà prima passare il vaglio della Commissione Affari costituzionali (su 30 membri, solo 15 sono a favore del sistema maggioritario ma potrebbero arrivare a 17); per approdare in aula dove i giochi si ribaltano e i fautori del maggioritario scendono in favore dei proporzionalisti (rispettivamente 151 voti da un lato e 164 dall’altro).

@FedericaGubinel

Vai a la home page di LineaDiretta24.it

Leggi altri articoli dello stesso autore

legge elettorale il punto legge elettorale il punto legge elettorale il punto legge elettorale il punto legge elettorale il punto

Vuoi commentare l'articolo?

Federica Gubinelli