L’11 settembre spaventa ancora

Dai complottisti filmici, fumettistici sino all’approccio più protezionistico finito nell’essere l’espressione di un fondamentalismo signorile, sofisticato. L’Occidente reagisce impaurito quasi inerme alla resistenza islamica. Stupito di fronte alla cocciutaggine orientale che ha il sapore di una rivalsa. Le ingerenze in Medio Oriente, la neo-colonizzazzione commerciale, l’Occidente si protegge sconfinando ed esportando l’impianto di una democrazia non richiesta.

 L’11 settembre rappresenta il rifiuto Medio orientale, l’evoluzione islamista da Al Quaeda all‘Isis, narra gli orrori di una battaglia ordita in nome della civiltà: pandemica presunzione di entrambi per stabilire cosa è giusto e cosa non lo è. Quel colpo al cuore, il Nine Eleven rintocca ogni anno per ricordarci le occasioni mancate, le poltiche sbagliate, gli errori e gli orrori commessi nella sordità. Occidentali, statunitensi, europei, italiani. Ognuno parte di un tassello che compone la boria di un’assetto culturale onanistico. 8:46. 2001.

Così l’orologio rintocca. Il mondo per un attimo si ferma e noi italiani con lui. 11-09-2014. Una data che spaventa sempre. Di più se abiti ad un’ora di volo da Beirut, se sai che un gruppo di terroristi scorrazza decapitando gente mentre monta video meglio di Orson Welles e se il tuo Ministro dell’Interno il 9 settembre si ricorda di informare il Parlamento che 11 aerei libici sono scomparsi. “Conquisteremo Roma e il mondo intero” c’avevano promesso. La sensazione è quella di chi ha lasciato il gas acceso con la speranza che nessuno prema l’interruttore. La culla del cattolicesimo, d’altronde, dimezza scientemente l’organico delle forze dell’ordine per razzolare 150 milioni di euro. “C’è la crisi” c’hanno detto, ” E su più fronti” verrebbe da rispondere. Interventi che, però, non vanno condannati. Niente paura. La Farnesina funziona, lavora, si sta muovendo, infatti: due anni di trattative con l’India per liberare il duo Girone-La Torre che accidentalmente ha scambiato due pescatori per pirati mentre più di un secolo per chiarire, solo chiarire, la posizione italiana sulla “Terra promessa” ebraica; che ancora non è chiara. Il Ministro rassicura: il nostro apparato di sicurezza è in costante monitoraggio. L’intelligence è con noi e per noi. Speriamo non con la stessa fortuna che ha avuto per 40 anni senza esser capace di dare risposte a 15 anni di stragi tutte nostrane.

{ads1}

La soluzione c’è. E’ dietro l’angolo. Arriverà il giorno in cui alle divise si contrapporranno i loden d’alta sartoria, ai fucili gli smartphone e l’elmetto sarà solo un tipo di messa in piega. Arriverà il giorno in cui Wiston Churchill non sarà uno statista ma una marca d’ottimo whisky mentre “servizi segreti” un locale per scambisti. In quel giorno noi, noi saremo incommensurabilmente grandi! Nel frattempo: “Veni, vidi, vicit” meglio consolarsi con le vecchie glorie.

@FedericaGubinel

Vuoi commentare l'articolo?

Federica Gubinelli

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->