In Messico la Riforma Energetica crea dissapori

Il fulcro della riforma in questione è rappresentato dalla Pemex, la maggior impresa petrolifera e di gas naturale messicana, la quale, secondo i propositi del Presidente Peña Nieto, avrà la possibilità di firmare con imprese private contratti di collaborazione nell’esplorazione di giacimenti petroliferi e nell’estrazione delle risorse. A detta del capo dello Stato, ovviamente e secondo molti altri esponenti della politica messicana, questa riforma porterebbe a dei cambiamenti positivi per il Paese. Il primo di questi vedrebbe il moltiplicarsi dei posti di lavoro nel settore, visto l’ampliamento del numero degli enti coinvolti in questo, in secondo luogo si produrrebbe una maggior competenza nello svolgere determinati lavori, considerata la partecipazione di imprese specializzate nel settore e, di conseguenza, una produzione quantitativamente e qualitativamente migliore, che contribuirebbe a una maggiore competitività dei prezzi. Inoltre i cittadini, secondo ciò che afferma la proposta, avranno la possibilità, in qualsiasi momento, di supervisionare i contratti firmati tra la Pemex e le imprese private, in aggiunta alla presenza, come garanzia di trasparenza, di revisioni annuali di tutti i contratti vigenti in Messico.

{ads1}

Accanto alle acclamazioni nei confronti di questa proposta esistono ovviamente pareri contrari capeggiati dalla controriforma, presentata nella giornata di ieri 19 agosto, dal leader del PRD (Partido de la Revolución Democráctica) Cuauhtemoc Cardenas. Il primo elemento criticato della riforma di Peña Nieto è quello di voler cambiare l’articolo 27 della Costituzione, che prevede l’esclusivo controllo statale del petrolio senza nessun tipo di autonomia o concessione, nella lavorazione di quest da parte di imprese private. Quest’ articolo fu steso dal Presidente dell’epoca (1938) Làzaro Càrdenas, il governo del quale fu considerato il primo ad aver attuato una riforma energetica così importante e ‘patriottica’. Secondo il politico di sinistra dunque la proposta del Presidente degli Stati Uniti Messicani oltre a essere anticostituzionale nasconde, dietro a discorsi rincuoranti e colmi di buone e nobili prospettive, il perseguimento di interessi di pochi, dimenticandosi del bene del Paese.

di Ilaria Francesca Petta

Fonti: http://www.eluniversal.com.mx/nacion-mexico/2013/cardenas-pide-consulta-sobre-reforma-energetica-943538.html

http://www.cronica.com.mx/notas/2013/776764.html

http://www.eluniversal.com.mx/nacion-mexico/2013/reforma-energetica-beneficios-941945.html

Vuoi commentare l'articolo?

Ilaria Francesca Petta

Più di là che di qua, nel senso metaforico...ma anche letterale. Classe 1986, nasco sotto il segno dei gemelli, di cui sono una chiara rappresentazione. Senza terra sotto ai piedi, con uno spiccato senso internazionalistico, credo che l'Italia sia un Bel Paese in declino, legato ancora a un glorioso passato. Laureata in lingue e traduzione, mi sono immersa in questa odissea, chiamata giornalismo, a 26 anni..forse tardi, ma assicuro che sto recuperando in pieno. Masterizzata in Comunicazione e Media nelle Relazioni Internazionali girovago come tirocinante, al momento nella Commissione europea a Roma.

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->