I “nuovi” uomini al femminile

Sono sempre più numerosi gli uomini che ricorrono all’estetica per abbellire il proprio aspetto, in una società che purtroppo ha letteralmente soppiantato l’apparire con l’essere, non mancano ragazzi che ricorrono al botulino per il volto, a trattamenti per i fianchi ecc. Secondo gli ultimi studi si è arrivati al risultato per il quale, sembrerebbe essere proprio l’uomo, con il suo nuovo senso della cosmesi e dell’estetica, il protagonista del Congresso nazionale di Medicina estetica. È sicuramente particolare come notizia questa, dal momento che la bellezza è sempre stata prerogativa delle donne. Ma come affermavo, i tempi sono cambiati e se anche solo dieci anni fa i trattamenti di bellezza su un uomo erano qualcosa di impensabile, se non praticamente raro, ad oggi sono diventati una consuetudine; è cominciata l’era dei cosidetti nuovi “maschi” sempre più femminili. Soprattutto moltissimi uomini vi ricorrono per correggere i segni del tempo; se un tempo la maturità del volto con le rughe era sinonimo di fascino, ad oggi si ricorre molto volentieri al botox, per avere un bel volto tirato e liscio e l’espressione simile ad un “gatto”.

Non a caso il Congresso nazionale della Società italiana di Medicina estetica (SIME), tenutosi a Roma, ha riservato un ampio spazio al sesso maschile. Se l’uomo in tempi passati andava dal medico estetico con lo scopo di accompagnare la fidanzata o la moglie senza troppa convinzione, oggi si ritrova lui stesso nello studio del dottore, non solo per correggere le imperfezioni ma soprattutto prevenirle, o ricorrere a semplici capricci in linea con la moda del tempo. Infatti, ad oggi non c’è azienda di prodotti cosmetici che non abbia anche prodotti maschili, perché la pelle dell’uomo, inoltre, ha caratteristiche completamente differenti rispetto alla donna. Tra i vari rimedi, alcuni riservano i primi posti: al primo posto c’è la tossina botulinica, meglio identificata come botox, per rilassare le rughe, al secondo posto i riempimenti della depressione tra zigomo e naso, e raramente le labbra. Ma ancora, si richiedono anche miglioramenti al fisico, come al terzo posto il trattamento del tessuto adiposo in eccesso su addome e fianchi e, ovviamente, la classica depilazione che sembra aver sortito un effetto boom. È ovvia come constatazione che le differenze tra uomo e donna nell’approccio della medicina estetica sono notevoli e variano, conseguentemente, anche i trattamenti, ad esempio per quanto riguarda la tossina botulinica. Insomma, se da questi ultimi studi è apparso come gli uomini italiani siano assidui frequentatori di studi di medicina estetica, un augurio va a tutte le donne, che possano rimanere loro le vere “femmine” della coppia e non viceversa.

 

 

 

Vuoi commentare l'articolo?

chiara caproni

Sono laureata in filosofia. Da quando andavo alle elementari mi sono sempre sentita dire che ero polemica, e ora che ho 28 anni lo sono ancora di più e ne vado fiera. Amo profondamente la mia famiglia e sono sempre dell'idea che si vive per amare. Fantasiosa e razionale convivo con una personalità doppia, che mi fa essere la persona più comprensiva del mondo, ma anche la più stronza. Credo che la maggior dote dell'essere umano sia saper ascoltare! -I love animals, write, and eat red velvet cake-

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->