Corte di Giustizia Europea: rifugio ai gay

Tale possibilità è concessa, secondo i giudici comunitari, ad una determinata condizione: nel paese di provenienza l’omosessualità non solo è considerata quale reato ma viene anche punita in concreto con una pena detentiva che risulta davvero applicata nella prassi.
Secondo i giudici un cittadino non comunitario gay per ottenere lo status di rifugiato in Europa deve dimostrare che «gli atti di persecuzione devono essere sufficientemente gravi, per loro natura o frequenza, da rappresentare una violazione grave di diritti umani fondamentali».

Vuoi commentare l'articolo?

Redazione Parolibero

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->