Brasile: testa a testa Roussef-Silva

Dopo le anticipazioni del precedente articolo (disgraziatamente andato perduto), torniamo in Brasile a meno di 24 ore dal voto. Il distacco tra le due candidate alla presidenza Dilma Roussef e Marina Silva, resta piuttosto congruo e negli ultimi giorni è andato crescendo in favore della candidata socialista (per davvero).

Domenica 5 ottobre gli oltre 140 milioni di elettori del Brasile – che prevede il voto obbligatorio per i cittadini dai 18 ai 70 anni e quello facoltativo per i giovani tra i 16 e i 18 e gli over 70 – saranno chiamati ad esprimere un voto in grado di segnare una data storica: restare con il vento del riformismo socialista in poppa o fare un drammatico giro di boa e riavvicinarsi alle politiche neoliberiste U.S.A.friendly.

La rosa di partiti e candidati che si sono proposti a queste elezioni – che non sono solo presidenziali ma anche legislative e regionali – è assolutamente ampia e variegata: le donne rappresentano il 30,9% dei canditati, la popolazione nera o mulatta il 42,2% mentre quella indigena ha espresso solo 83 candidati, pari allo 0,83%, candidati tra le fila del Partito dei Lavoratori(Pt), del Partito socialismo e libertà (Psol) e del Partito comunista del Brasile (PcdoB).

L’elettorato attivo del paese è composto in maggior parte da donne, anche se di pochi punti percentuali, e per il 55% da popolazione nera e mulatta.

Gli ultimi sondaggi in merito alle intenzioni di voto danno la presidente uscente in netto vantaggio, con differenze percentuali rispetto alla fascia di popolazione interrogata: fra le donne vi è un sostanziale testa a testa tra le due candidate di punta (28% Roussef 25% Silva), tra l’elettorato nero e mulatto la candidata del Partito dei Lavoratori sale a un più netto 35% a 25%. In generale la Roussef è data in forte ripresa rispetto a qualche settimana fa, e vincente al primo turno con il 40% dei voti, avanti alla rivale del Partito Socialista di oltre 16 punti.
Anche al secondo turno la Roussef si confermerebbe vincitrice con il 43% dei voti, contro il 36% che otterrebbe la sua contendente nonostante i voti dirottati da Neves. (Prensa Latina)

Il Partito dei Lavoratori, in questa fine di campagna elettorale, ha posto in evidenza i dati della FAO, secondo i quali il governo del Pt ha ottenuto ottimi risultati nella lotta contro la malnutrizione, scesa dal 10,7% al 5%, nella diminuzione della povertà estrema (dal 17,5% al 3,5%), nella lotta all’analfabetismo (dal 13,5 all’8,5%); e incassato il sostegno di oltre 100 intellettuali e numerose organizzazioni internazionali schieratisi pubblicamente contro il conservatorismo di Marina Silva.

@aurelio_lentini

MondialiBrasile TwitterCristo

Vuoi commentare l'articolo?

Aurelio Lentini

Laureato in Scienze Storiche presso L'università Statale degli Studi di Milano, oggi conduce una piccola libreria online, collabora con varie testate online, scrive, e tenta di venire a capo del mondo prima che il mondo venga a capo di lui.

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->