Razzismo virtuale, conseguenze reali

Immaginate di svegliarvi una mattina, aprire la finestra e trovare davanti alla porta di casa un cartellone gigante che riporta un commento razzista che avete postato su Internet. Il vostro volto è nascosto, il vostro nome non si legge, ma chiunque può sapere che siete stati voi a scrivere quella frase. Se poteste tornare indietro, ci pensereste due volte prima di scrivere quel commento o no?

 

A qualcuno è successo davvero. La ong brasiliana Criola, un’organizzazione che si batte per i diritti civili, nelle ultime settimane ha deciso di combattere l’idea che quello che accade su internet appartenga a una sfera diversa da quella reale con una campagna originale e straordinariamente efficace, Virtual racism, real consequences. Dopo aver rintracciato i commenti razzisti postati sui social e averli localizzati tramite la geolocalizzazione, l’associazione ha chiesto aiuto alle società che forniscono i cartelloni pubblicitari per mostrare ai razzisti da tastiera che tutto quello che pubblicano può tornare indietro. L’idea è nata quando la conduttrice televisiva Maria Julia Countinho è stata vittima di attacchi xenofobi dopo la pubblicazione di una foto sulla pagina Facebook del programma.

 

Un attacco che si è scatenato non in un giorno qualunque ma il 3 luglio, la giornata contro le discriminazioni razziali. Per questo, quelle offese sono state stampate a caratteri cubitali e installate accanto alle abitazioni degli autori, che hanno potuto leggere – come i loro vicini, amici e conoscenti – le loro parole gentili. Capolavori come: «Vai a farti fottere sporca negra, non so te ma io mi lavo», «Una ragazza nera di nome “Maju”? Non puoi lamentarti dei pregiudizi. Vai a farti fottere», «Se avesse fatto il bagno per bene, non sarebbe stata sporca», «Sono arrivato a casa puzzando come i neri». Parole scritte da persone che si nascondono dietro uno schermo e una tastiera, inconsapevoli o disinteressate degli effetti che quelle parole possono avere.

 

La riflessione che Criola vuole sviluppare nasce proprio da questo interrogativo: «I commenti su Internet creano meno danno di un’offesa diretta?». Una domanda semplice, che ha una risposta altrettanto semplice: «Per quelli che commentano, forse. Ma per quelli che li subiscono, il pregiudizio è lo stesso».

Anche dal nostro lato dell’oceano, però, non mancano le iniziative – sebbene più “tradizionali” – per combattere l’intolleranza su internet e sensibilizzare gli utenti – soprattutto quelli più giovani – sulla pericolosità del “cyber” razzismo e del “cyber” bullismo. No Hate Speech è una campagna del Consiglio d’Europa che si batte contro l’istigazione all’odio sul web, ovvero contro l’«espressione di tutte le forme di diffusione e incitazione all’odio razziale, alla xenofobia, all’antisemitismo e ad altre forme di intolleranza, espressione di nazionalismi, discriminazione nei confronti di migranti. Altre forme di discriminazione sono la misoginia, l’islamofobia, la cristianofobia e tutte le forme di pregiudizio circa l’orientamento di genere». Atti violenti contro “il diverso” che continuano ad aumentare pericolosamente – possiamo vederlo quotidianamente sulle nostre bacheche Facebook e tra i cinguetti di Twitter – cui il web sembra garantire una maggiore impunità. Un’impunità che si rafforza nella convinzione degli autori che le loro parole si perdano nel mare magnum del web, senza conseguenze.

Vuoi commentare l'articolo?

Costanza Giannelli

Nasce e cresce (poco, in realtà) in Toscana. Nel 2013, dopo la laurea in Storia Contemporanea si trasferisce a Roma, dove approda alla redazione di Lineadiretta24. Lettrice onnivora e incontenibile logorroica, è appassionata di politica, diritti, storia, De Andrè e Scrubs, non necessariamente in quest’ordine. Curiosa di natura e polemica per vocazione, ama l’India e colleziona lauree, ma giura che la terza sarà l’ultima.