«Quattro veline e un gabibbo»

Sono le parole del premier Matteo Renzi. Le cinque candidate in questione sono: Alessia Mosca nella circoscrizione Nordovest, Alessandra Moretti nel Nordest, Simona Bonafè al Centro, Pina Picierno al Sud e Caterina Chinnici nella circosrizione delle isole. Una dichiarazione arriva proprio “a fagiolo”, mentre la Camera approva il provvedimento per l’equilibrio di genere alle elezioni del Parlamento europeo: 388 sì, 29 astenuti e 104 no. Alle prossime elezioni del 25 maggio, verrà applicata una “norma transitoria” secondo la quale, nel caso in cui vengano espresse tre preferenza, queste devono comprendere candidati di diverso sesso, viceversa la terza preferenza verrà annullata.
«Sono molto soddisfatto. Nel Pd le donne sono in pista con ruoli di prima fila », afferma Renzi. Civati conferma: «Ho votato sì perché c’è pluralità. Ora però oltre alla comunicazion e concentriamoci sui contenuti». Il vicesegretario Lorenzo Guerini ci tiene a precisare: «Il 40 per cento delle liste è composto da donne ». {ads1}

Un vero e proprio “ribaltone rosa“, insomma, con il quale il premier ha voluto rispondere a quanti lo avevano accusato di “scarsa sensibilità” sul tema della parità di genere nell’Italicum. La domanda che molti si pongono, però, è: si tratta di reale sensibilità o di strategia di marketing?
La risposta per alcuni è scontata: «Sono donne usate a fini di marketing secondo la migliore tradizione berlusconiana: quattro veline e Renzie a fare il Gabibbo. Una presa per il culo, ma tinta di rosa», scrive Grillo in un post dal titolo «Quattro veline e un gabibbo». Quattro e non cinque perché Grillo ha almeno avuto l’accortezza di escludere Caterina Chinnici, la cui età sfiora i 60, figlia del giudice Rocco Chinnici, ucciso dalla mafia nel 1983. Grillo incalza: «Quattro delle cinque capilista nominate direttamente dall’ebetino sono attualmente deputate.Se elette cosa faranno? Si dimetteranno e andranno a scaldare le poltrone di Bruxelles e Strasburgo? No. Rinunceranno e faranno passare i trombati impresentabili che da soli non riuscirebbero a prendere i voti neppure per amministrare un condominio». Anna Finocchiaro risponde semplicemente: «Da Grillo becero maschilismo. Per quanto ci riguarda, prendiamo il positivo e consideriamo queste sue dichiarazioni bene auguranti, visto il grande e pluriennale successo di Striscia la notizia». Francesco Nicodemo, responsabile comunicazione del PD, commenta, non si scompone davanti alla «stessa minestra riscaldata ogni giorno, fatta di invettive e insulti» e commenta: «Le sue affermazioni rivelano l’idea che lui ha delle donne, noi ne abbiamo una diversa e le vogliamo sempre più protagoniste». Nel frattempo spopola l’hashtag #escidalblogèprimavera.

 Quello che colpisce di tutta questa vicenda è che in Italia si parli ancora di “differenze” di trattamento sulla base del genere e il dover intervenire politicamente e giuridicamente in materia poiché la coscienza personale non basta: anni di emancipazione femminile non sono bastati a far capire agli uomini, ma soprattutto alle donne stessa, che essere “donne capaci” non è una conseguenza dell’essere giovani e di bella presenza ma, allo stesso tempo, queste due caratteristiche non escludono obbligatoriamente la prima.

Vuoi commentare l'articolo?

Maria Laura Serpico

Bionda, bassa e sognatrice. Se è vero che ogni riccio è un capriccio, con me la vita non è mai noiosa. Mi definisco una “persona frenetica”, alla continua ricerca di nuovi stimoli. Il mio colore preferito è il verde, perché la speranza è l’ultima a morire! Le cose che preferisco fare sono: parlare, parlare e… parlare! Ma non temete, in caso di necessità, sono pronta ad ascoltare: ogni incontro, ogni viaggio, ogni situazione imprevista può essere fonte di arricchimento personale. I miei studi mi hanno portato verso il mondo della scienza politica poiché credo che, benché i più non lo vogliano ammettere, niente e nessuno le è immune. Spettacolo e cultura mi affascinano da sempre, in quanto mix perfetto di storia e sensibilità personale. Perché scrivere? Per dare modo a tutti di “vedere” (quasi) tutto: una pretesa impossibile, ma d’altronde la vita è una sfida continua.

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->