The dark side of Roy Paci

CorLeone è un progetto dai ritmi insoliti, nato nel 2004, totalmente strumentale. Non c’è bisogno di parole. E in un’epoca come la nostra, fatta soprattutto di parole, molte delle quali superflue, la musica è la sola che riesce a mettere d’accordo tutti, diventando la chiave di tutte le nostre emozioni.
Chi si ricorda dell’artista per Toda joia toda beleza il pezzo con il quale spopoló (assieme agli Aretuska, ndr) nella calda estate 2007, scoprirà questa volta dei suoni innovativi, anche un po’ azzardati.
Sonorità che sembrano create al momento, sperimentate passo passo da Roy e la sua “banda”, quasi a volersi spingere oltre il limite delle sue capacità. Talvolta pare che i musicisti vogliano sfidarsi a duello, a suon di note ricercate, assoli potenti , vibrazioni celate in un atmosfera da film.
Altre volte si è immersi in un vortice di jazz sperimentale, con influenze ora latino americane ora meridionali, per dar vita ad una musica più forte e maestosa che mai.

La banda è composta da: Andrea Vadrucci alla batteria, Gugliemo Pagnozzi al sax contralto, Marco Motta al sax baritono, Alberto Capelli alle chitarre, Marco Pettinato alle chitarre, bassi ed altre “corbellerie” elettroniche ed ovviamente il ciuffo nero laccato di Roy (Rosario) Paci, alla tromba.
Il tour, partito da Bologna, dopo la tappa romana toccherà le città di Perugia (20 APRILE), Torino (27 APRILE),
Bari (30 APRILE), Verona (04 MAGGIO) e Reggio Emilia (10 MAGGIO).

 

Vuoi commentare l'articolo?

Valentina Peron

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->