Teatro della Cometa di Roma, presentata la stagione 2016-2017

Il sipario è pronto ad aprirsi. Sotto l’egida del Direttore Artistico Giorgio Barattolo, il Teatro della Cometa di Roma ha messo a punto la nuova stagione in partenza dal prossimo autunno. Sul palco, la drammaturgia italiana incontra le grandi tematiche di attualità, declinandosi ora in commedie brillanti, ora in spettacoli più strutturati dal punto di vista drammatico, ed ancora in lavori dai richiami musicali. Novità di quest’anno è il progetto La Cometa dell’arte, spazio di incontri pomeridiani destinati ad un pubblico appassionato di tematiche culturali, dedicati alla valorizzazione del patrimonio artistico e culturale di Roma, in scena ogni mercoledì con relatori d’eccezione, tra cui Alessandro Viscogliosi, Costantino D’Orazio, Barbara Briganti, Arnaldo Colasanti, Giorgio Muratore, Roberto Valeriani e Guglielmo Villa, Pino Strabioli e Stefano Dominella.

Teatro della Cometa Si parte il 28 settembre con Tre papà per un bebè di Antonio Grosso per la regia di Roberto D’Alessandro, con protagonisti Mario Zamma, Nicola Canonico, Giuseppe Cantore con Leonardo Barbarisi e la partecipazione di Alessia Fabiani. Il 19 ottobre sarà la volta di Massimo Venturiello, in scena nelle vesti di un esilarante barbiere in Barberia- barba, capiddi e mandulinu!, scritto da Gianni Clementi ed interpretato da un’autentica orchestra da barba siciliana, per raccontare un’Italia di altri tempi. Dal 2 novembre spazio a Giorgia Trasselli e Enzo Casertano, protagonisti di Finché vita non ci separi – Ovvero W Gli Sposi di Gianni Clementi, per la regia di Vanessa Gasbarri.

Tra i graditi ritorni: Valentina Cenni, Giampiero Rappa, Giuseppe Tantillo dal 23 novembre replicano Nessun Luogo è lontano, scritto e diretto da Giampiero Rappa, con le musiche di Stefano Bollani; ed ancora Le belle notti di Gianni Clementi dal 14 dicembre e per tutte le vacanze di Natale per la regia di Claudio Boccacini, racconto dl fermento sessantottino visto dagli occhi dei suoi protagonisti, diciassette giovani studenti “occupanti” un noto liceo romano.

Ad aprire il 2017 sono Michela Andreozzi e Massimiliano Vado, coppia nella vita ed in scena che l’11 gennaio calcheranno il palco con Ring di Léonore Confino, in cui protagonisti sono 17 quadri sulla vita di coppia, sull’esplosione emotiva che si sviluppa tra abbracci e uppercut, euforia e certezze, risate e dramma. Dalla vita a due a quella “a tre”, dal primo febbraio ci si diverte e con MOMS! Il primo varietà sulla maternità, in arrivo direttamente dagli Stati Uniti dove ha riscontrato enorme successo e che vede, nella versione italiana, interpreti Carla Ferraro, Valentina Martino Ghiglia, Laura Mazzi, Silvia Siravo. Febbraio prosegue con un altro ritorno, quello di Gennaro Cannavacciuolo protagonista, a partire dal 22, di Yves Montand-Un Italiano a parigi, recital in due tempi con quartetto, pianoforte, contrabasso, batteria e sax/ contralto. Ad inaugurare la primavera è RISIKO – Quell’ irrefrenabile voglia di potere di Francesco Apolloni per la regia di Vanessa Gasbarri e le musiche di Jonis Bascir, incentrato sul crollo della vecchia classe politica e la nascita della nuova. Il 19 aprile arriva sul palco del Teatro della Cometa Alessandro Benvenuti, protagonista di Chi è di scena, intreccio imprevedibile e giocoso di cui del firma anche testo e regia, con lui Paolo Cioni e Maria Vittoria Argenti.

Finale di stagione dal 10 maggio con Marco Zadra e il suo cavallo di battaglia Zadriskie Point, con Tiko Rossi Vairo, Antonella Salerno, Gianluca Mandarini. Da segnalare, fuori abbonamento, uno spettacolo messo in scena al teatrino Cometa Off dal 3 al 13 Novembre, Pianoforte vendesi, tratto dall’omonimo romanzo di Andrea Vitali con Adriano Evangelisti, musiche originali di Patrizio Maria D’Artista e regia di Raffaele Latagliata. Che la stagione abbia inizia, l’appuntamento è a settembre.

Leggi altri articoli dello stesso autore

Vai alla Homepage di LineaDiretta24

Twitter: @EvaElisabetta

Vuoi commentare l'articolo?

Eva Elisabetta Zuccari

Per lavoro e per passione racconto storie. Dalle esistenze straordinarie di persone comuni ai "pancini sospetti" del Gossip. Giornalista in divenire, classe 1989, curiosa. Spio tutto e tutti: voi non sapete chi sono io, ma io potrei già sapere chi siete voi.